Scienze

NASA: Scoperti 1200 nuovi pianeti fuori dal Sistema Solare

Stampa E-mail
24 Maggio 2016
|
NASA: Scoperti 1200 nuovi pianeti fuori dal Sistema Solare

Ai 2000 finora noti se ne sono aggiunti altri 1200 grazie al telescopio Kepler. Ci sono poi altri 1800 «candidati» il cui status non è stato ancora confermato


Il satellite Keplero della Nasa non finisce mai di stupire e di regalare scoperte importanti. Ora compiendo una verifica dei 4302 candidati pianeti che ha scoperto attorno ad altre stelle della nostra galassia Via Lattea gli scienziati hanno potuto stabilire che 1284 sono veri pianeti “al 99 per cento”, mentre tutti gli altri restano ancora dubbi. In questo modo il totale dei pianeti confermati sale a 2.326.

Un altro dato interessante annunciato è che ben cinquecento hanno una natura rocciosa analoga alla Terra e che di questi nove si trovano nella “zona abitabile”, cioè alla giusta distanza dall’astro-madre perché l’acqua, se c’è, possa scorrere liquida. A questo punto aggiungendo gli altri 12 pianeti di questo tipo scoperti per altra via, soprattutto con telescopi terrestri, il totale delle potenziali “Terre” gemelle sale a 21. Keplero era stato lancio dalla Nasa nel marzo 2009 ed ormai è oltre la sua “vita tecnica” stabilita.

Era stato concepito con le caratteristiche necessarie per compiere la caccia ad corpi planetari scandagliando 150 astri misurando l’attenuazione della loro luce. Così si riusciva a cogliere la presenza un pianeta nel circondario.

Subito Keplero si è rivelato un occhio straordinario cogliendo un sempre maggior numero di candidati soggetti ad attente verifiche. C’è stato poi un momento che il satellite sembrava perduto ma gli scienziati riuscivano a riportarlo in azione. Anche nei mesi scorsi denunciava qualche difficoltà ma anche questo ostacolo veniva superato portando alle scoperte annunciate e pubblicate su The Astrophysical Journal.

Questi risultati hanno rivoluzionato l’idea sull’esistenza di altri pianeti attorno alle stelle della galassia ai cui confini noi abitiamo. Ora la loro presenza non è più vista come un’eccezione ma semmai una regola diffusa. E le statistiche elaborate con questi dati e con altri ricavati in altro modo da terra e dallo spazio portano a valutare la presenza di alcuni miliardi di pianeti solo nella Via Lattea. Nuovi satelliti ancora più potenti sono intanto in cantiere sia all’Esa europea che alla Nasa promettendo scoperte ancora più straordinarie. Presto si arriverà a fotografare direttamente il volto di questi possibili altri mondi tra i quali forse si nasconde un gemello della Terra.


(Dal Corriere della Sera del 10 maggio 2016 – Per gentile concessione dell’Autore)


Giovanni Caprara, giornalista e scrittore, è responsabile della redazione scientifica del Corriere della Sera

|