Viaggi

Nuclear Science Symposium a Seoul

Stampa E-mail
07 Novembre 2013
|

Seoul, tempio buddista

Appunti di viaggio tra Scienza e confronti culturali


Nell'ultima settimana sono stato a Seoul in Corea del Sud dove ho partecipato ad una conferenza, il "Nuclear Science Symposium", organizzata dalla IEEE (Advancing Technology for Humanity).

Ho presentato i risultati delle performance del calorimetro dell’esperimento ATLAS, uno dei sei rivelatori di particelle del CERN, nella sessione dedicata alla strumentazione della fisica delle alte energie.

Di fatto è il lavoro più rilevante che abbia mai presentato ad una conferenza, in quanto rappresenta lo sforzo di più di 300 ricercatori.

Ho volato tanto e ho dormito poco negli ultimi due giorni, nutrendomi con pessimo "cibo aeronautico" e stretto tra i sedili di un bellissimo Airbus A330 che mi ha condotto in volo per tutta l'Asia, da Seoul ad Helsinki, passando per la Cina, la Mongolia, la Russia ed infine l'Europa del Nord.


Un monumento a Seoul

Per un ritardo del volo proveniente dalla Finlandia (volavo Finnair, una compagnia che consiglio se andate in Asia) ho perso la coincidenza per Ginevra, ma ciò mi ha permesso trascorrere un sabato sera ad Helsinki, dove non ero mai stato.

Davvero una città interessante e decisamente molto viva.

Anche Seoul è straordinaria, una città paragonabile ad una degli USA. L'economia coerana è in enorme espansione, ma quello che più mi ha colpito è l’estrema educazione che si respira ovunque, dalla metropolitana sino al mercato più caotico dell'elettronica di consumo (più di 5.000 negozi che vendono componenti per PC nello stesso edificio!).

La mattina del ritorno, sveglia all'alba (5.50 local time), colazione in Hotel in un bosco di betulle nei pressi dell'aeroporto di Helsinki e poi una corsa in pullman verso il terminal nel buio dell'inverno imminente (outside temp. 4C, visibilità 150 metri), ma poi, come ricompensa per tutto questo, ecco: non appena decollati il cielo regala un'alba spettacolare, 300 metri sopra il livello del suolo.

Sin da bambino ho imparato a vedere il mondo dal finestrino di un aereo, ma tuttora non ho smesso di provare stupore di fronte a questo spettacolo.


Valerio Grassi, ricercatore della State University of New York at Stony Brook presso il CERN di Ginevra, è responsabile del sistema di generazione delle alte tensioni per la calorimetria elettromagnetica e adronica ad argon liquido del rivelatore ATLAS e co-scopritore del bosone di Higgs


|
 

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su YouTube