Stampa E-mail
|




A cura di Rosalba Nattero



Rosalba Nattero, giornalista, scrittrice e musicista, parla delle proprietà dei cristalli secondo le tradizioni dei Popoli naturali.

I popoli nativi, dagli Apache agli Aborigeni australiani, dai Nativi africani ai druidi europei, da sempre usano le risorse di Gaia, il nostro pianeta, per la terapeutica. Le gemme e i cristalli, le acque delle fonti sacre, la terra, le erbe, sono elementi terapeutici che fanno parte dell’immenso patrimonio di conoscenze dei nostri antenati. Un grande bagaglio di esperienze conservato e custodito con cura da quei Popoli naturali che apparentemente oggi non hanno più un posto nella storia, pur essendo saccheggiati nelle loro conoscenze dalla società maggioritaria. I Popoli naturali rappresentano la sola speranza di poter conservare un prezioso patrimonio che rischia di andare perduto per sempre. È proprio da queste antiche conoscenze che possiamo attingere per sperimentare l’uso terapeutico dei cristalli. Per queste culture, la Natura è il riferimento spirituale per la crescita evolutiva dell’individuo. I cristalli sono visti come strumenti preziosi che Madre Terra ci mette a disposizione per aiutarci nella nostra evoluzione spirituale e per permetterci di conquistare un benessere psicofisico.

Servizio e montaggio a cura di: Im&sdp - foto (C) Shutterstock, photoxpress.com

Cristalli, la conoscenza perduta Il cristallo di rocca Il rubino

L'opale

Lo smeraldo

La giada

Il quarzo rosa

L'acquamarina

L'ametista

Il turchese

Il lapislazzuli

Le meteoriti


|