Animalismo

SOS Gaia Africa in aiuto ai primati

Stampa E-mail
11 Agosto 2019
|
Due scimpanzé orfani i cui genitori sono stati uccisi da un gruppo armato, tra le braccia di una volontaria
Due scimpanzé orfani i cui genitori sono stati uccisi da un gruppo armato, tra le braccia di una volontaria

La collaborazione con il Santuario “Lwiro Primate” della Repubblica Democratica del Congo


Decine di migliaia di primati, alcuni dei quali catturati illegalmente da gruppi armati e altri individuati allo stato brado, sono tenuti in condizioni spaventose in fattorie o case e vengono infine venduti a terzi, per conto di laboratori stranieri.

Mentre il mercato globale delle specie utilizzate nella ricerca si sta espandendo, secondo il BUAV (British Union for the Abolition of Vivisection) invece: "Le condizioni spaventose e il trattamento delle scimmie negli allevamenti (...) violano le regole accettate a livello internazionale", afferma il BUAV. "Alcune scimmie sono state trovate morte in una gabbia, altre erano molto magre o soffrivano di perdita di capelli e lesioni".

Scimpanzé orfani strappati dalle mani dei bracconieri
Scimpanzé orfani strappati dalle mani dei bracconieri

Nella Repubblica Democratica del Congo, i primati vengono venduti a società cinesi prima di essere consegnati a laboratori negli Stati Uniti e in Europa.

Alcuni degli animali potrebbero essere stati catturati in natura per compensare le scarse prestazioni delle aziende agricole. "È anche più economico catturare animali allo stato brado che allevarli", hanno spiegato i ranger del parco, riferendosi a "enormi margini" per gli allevatori.

SOS GAIA Africa si impegna ad essere vicino ai primati salvati dal bracconaggio ospitati presso il Centro Riabilitazione Primati “Lwiro Primate”, santuario per scimpanzé che si trova nel territorio di Kabare, nel sud di Kivu, nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo, una delle regioni del paese in preda al conflitto armato da oltre 20 anni.

Misisi, il gorilla la cui madre è stata abbattuta dai cacciatori, ritrovata in un hotel in attesa di essere venduta ai turisti
Misisi, il gorilla la cui madre è stata abbattuta dai cacciatori, ritrovata in un hotel in attesa di essere venduta ai turisti

Il luogo di cura degli animali in difficoltà ospita attualmente su una superficie di dieci ettari più di 250 animali, di cui 230 primati (gorilla, scimpanzé, macachi, scimmie e bonobo). SOS Gaia Africa intende collaborare e  rendersi conto di come i primati vengono accolti, da dove vengono, come vengono trattati e dopo quanto tempo vengono reintegrati nella foresta.

"Tutti gli animali che sono qui provengono dal bracconaggio", afferma Luis Flores, direttore del Lwiro Primate. Secondo lui, alcune specie sono scomparse dal Congo negli ultimi dieci anni, e se non si fa nulla, altre ne seguiranno, come l’okapi, l'elefante della savana, il mandrillo o il gorilla. "Il nostro ruolo è supportare le autorità. Quando effettuano confische, offriamo l'opportunità di prenderci cura degli animali", afferma Luis Flores.

Misisi, il gorilla la cui madre era stata abbattuta dai cacciatori, fu portata in un hotel per essere venduta a un turista. È arrivata al Centro in uno stato di grande depressione. "Quando arrivò, Misisi era in preda alla febbre, stressata, tossiva molto, digrignava i denti, soffriva di diarrea e aveva molte ferite alle gambe, alle braccia e alla testa", ha detto il veterinario del centro in una nota di presentazione.

Oggi rappresenta un modello di riuscita della risocializzazione, integrata in un gruppo di gorilla, in un ambiente protetto vicino alla boscaglia: gli alberi da frutto forniscono cibo, altri alberi procurano l'ombra che protegge dal sole.

Il  sopralluogo di SOS Gaia Africa aveva lo scopo di informarsi sullo  stato del luogo in cui sono alloggiati i sopravvissuti.  Nella foto:  Paterne Bushunju, responsabile di SOS Gaia Africa, con i suoi volontari
Il sopralluogo di SOS Gaia Africa aveva lo scopo di informarsi sullo stato del luogo in cui sono alloggiati i sopravvissuti

"Ogni zona è stata adattata per specie diverse", afferma Christian Muta, responsabile del benessere degli animali. "Ad esempio, i mandrilli sono molto distruttivi. Abbiamo provato a piantare alberi, erbe e arbusti, ma con loro non ha funzionato. Nel loro recinto abbiamo creato strutture sospese, con corde, tubi di bambù e metallo che permettono loro di sfogarsi e arrampicarsi a loro agio”.

Sebbene gli animali del Centro possano accoppiarsi, le nascite sono molto controllate. "Inseriamo impianti nelle femmine ogni tre anni. Se lasciassimo che avessero figli, saremmo sopraffatti e non ci sarebbe spazio per altri animali in difficoltà", afferma Luis Flores. "Il nostro obiettivo è che gli animali provenienti dalla boscaglia tornino nella boscaglia. Speriamo di restituire, ad esempio, i gorilla che abbiamo, e che stanno già guarendo, nella foresta di Kahuzi Biega”.

Fino ad oggi, nessun animale ha ancora potuto essere riportato nella foresta, e alcuni residenti del Centro vi hanno invecchiato fino alla morte. Questo è il caso di Ngila, che era l'unico gorilla di Kahuzi Biega a vivere in cattività. Arrivata al Centro Lwiro Primate dopo l'omicidio di sua madre da parte dei bracconieri, visse lì per un quarto di secolo.

"È nella memoria di tutte le persone che sono andate al Centro LP. Volevamo fare una piccola fossa in suo onore in modo che la ricordassimo perché ora non c'è nessun gorilla Kahuzi Biega in cattività", ha detto la signora Itsaso. Il centro di Lwiro è aperto al pubblico, ma l'insurrezione armata dei Mai Mai negli ultimi anni ha causato nella regione un calo significativo delle presenze, in particolare turisti, con conseguente calo delle entrate, che sono state dimezzate.

E anche il numero di volontari stranieri che pagano per venire a dare una mano è purtroppo diminuito a causa dell'insicurezza.

Paterne Bushunju, responsabile di SOS Gaia Africa
L’ambiente recintato creato a modello di quello della boscaglia
Paterne Bushunju, responsabile di SOS Gaia Africa L’ambiente recintato creato a modello di quello della boscaglia


Paterne Huston Bushunju, Repubblica Democratica del Congo, è corrispondente dall'Africa
Il rifugio africano di SOS Gaia è nato su iniziativa di Giancarlo Barbadoro, presidente della Ecospirituality Foundation

Facebook: Sauvons nos animaux


|
 

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su YouTube