Animalismo

Le tante sfaccettature dello sfruttamento degli animali

Stampa E-mail
11 Aprile 2015
|

Un corso per educazione cinofila

È giusto usare gli animali per il benessere dell’uomo?


Lo sfruttamento degli animali a beneficio della razza umana passa attraverso varie forme. L’apice più abominevole è quello rappresentato dagli allevamenti intensivi, dalla vivisezione, dagli animali torturati per divertire gli uomini come avviene nei circhi, nelle competizioni come i palii, o nell’assurda pratica della caccia. Forme di sfruttamento che vengono universalmente condannate da tutti coloro che amano gli animali.

Ma ci sono altre forme di sfruttamento, più sottili, che vengono accettate come “normali” e anche incoraggiate.

Possiamo fare l’esempio della Pet Therapy, o gli animali usati per trasporto come nel caso delle botticelle romane o dei cani da slitta. E anche la moda dilagante dei corsi per “educare” i cani. Educarli a cosa? Ad essere dei bravi schiavi che rispondono al nostro comando?

Prendiamo ad esempio la Pet Therapy. I centri specializzati che propongono l’utilizzo di animali per la cura degli umani mettono gli animali alla stregua di strumenti che devono essere abilitati all’uso preposto. In molti casi li allevano apposta per quella funzione. Nelle migliori intenzioni, chi propone questo metodo terapeutico sostiene che l’animale “è contento” ed “è d’accordo”. In che modo se ne sono accertati? Hanno avuto una dichiarazione dall’animale? Una liberatoria?

Gli animali per loro natura sono esseri molto disponibili, ed essendo in stato di inferiorità rispetto a noi in quanto devono sottostare alle regole della nostra cultura, sono ben disposti a collaborare. Ma che siano d’accordo a fare Pet Therapy non c’è alcuna certezza, a parte quei casi in cui sono loro, di loro spontanea volontà, ad andare dalla persona malata. In molti casi in effetti gli animali praticano una loro peculiare terapeutica, e credo che chi vive con un animale possa testimoniarlo. Ma sono atti liberi e spontanei. La Pet Therapy invece è una chiara forma di sfruttamento, nella maggior parte dei casi usata per profitto.


Un incidente accaduto a un cavallo delle “botticelle” romane a causa della stanchezza e del manto stradale accidentato

C’è poi la moda degli Sleddog. Anche in questo caso, i gestori di queste imprese commerciali sostengono che “i cani si divertono”. Si propongono come amanti degli animali quando è evidente che gli animali sono il loro mezzo di guadagno. I cani si divertono? Forse perchè li tengono chiusi in gabbia ininterrottamente per una settimana, ed è quindi ovvio che la domenica quando li liberano siano contenti di muoversi un po’. E vi sono casi in cui non usano neppure cani da slitta ma cani a pelo corto.

Un altro caso di sfruttamento è rappresentato dai cavalli usati per traino, come le tristemente famose “botticelle” romane, le carrozze a cavalli che portano in giro i turisti. Una usanza che implica turni faticosi sotto il sole anche nelle ore più calde, lavoro forzato nel traffico di punta e condizioni spesso insopportabili per questi docili animali. Un mezzo di trasporto anacronistico in cui il cavallo è solo una macchina senz’anima.

Citiamo anche il caso dei corsi di educazione cinofila, che in questo periodo nascono come funghi. Possiamo comprendere che ci siano casi che richiedono l’aiuto di esperti, come il recupero di un animale traumatizzato. Ma questi corsi si rivolgono a qualsiasi cane, anche il più tranquillo e socievole. Educarli a cosa? A perdere la loro personalità e diventare dei bravi schiavetti che rispondono ai comandi? È avvilente e non dà dignità all’animale.

Potremmo fare tanti altri esempi.

Su Facebook si sprecano le foto di cani e gatti conciati come dei pagliacci, vestiti da Babbo Natale, o con cappellino e occhiali da sole, e cose del genere. Immagini tristissime dell’amico a quattro zampe, travestito per divertire i propri amici.

I nostri amici di specie diversa si prestano al gioco, ci assecondano perché ci amano di un amore incondizionato. Ma noi amiamo loro? Sono certa di sì, li amiamo. Ma forse non ci poniamo abbastanza il problema di che cosa voglia dire dare loro dignità e rispetto.


Un cane utilizzato per Pet Therapy

Negli ultimi vent’anni sono stati fatti dei passi molto significativi verso i diritti degli animali. In ambito animalista si cita spesso il Trattato di Lisbona che all’art. 13 riconosce gli animali come “esseri senzienti”. Eppure continuiamo ad accettare forme di sottomissione che vengono considerate “normali”, ma che non applicheremmo mai nei confronti di un essere umano. È ancora così lontano il giorno in cui ci porremo il problema di una parità interspecie?

Viene considerato “normale” separare le famiglie dando in adozione una cucciolata di cani o di gatti nonostante il grande dolore che inevitabilmente viene provocato da questo allontanamento. Viene considerato “normale” mutilare i maschi e sterilizzare le femmine anche quando non necessario, e la maggior parte dei veterinari, al pari dei più accaniti obiettori di coscienza, non prende neppure lontanamente in considerazione altre forme di sterilizzazione che lascerebbero intatte le funzioni sessuali, preservando così anche i loro ruoli sociali.

Sono discorsi difficili, è vero. Molte volte anche tra persone che amano appassionatamente gli animali nascono delle differenze che dividono anziché unire, e questo di certo non aiuta la causa animalista. Tutti coloro che amano gli animali sono sicuramente in buona fede e ritengono di agire nel giusto cercando di salvare più animali possibili da una sorte avversa. Li si sterilizza per evitare malattie. Si dividono le famiglie perché insieme non si riuscirebbe a sistemarli.

Non abbiamo una soluzione per tutti i problemi. Tuttavia possiamo partire da un principio molto semplice: gli animali sono “persone” con una loro dignità, cultura e identità morale.

Partendo da questo principio, tutto dovrebbe a cascata portarci a rivalutare il nostro atteggiamento nei loro confronti. Non sono solo degli esseri da aiutare, non sono degli eterni bambini che devono imparare da noi. Sono creature senzienti che meritano rispetto e dignità. E in molti casi sono loro ad insegnare qualcosa a noi anziché il contrario.


www.rosalbanattero.net


|
 

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su YouTube