Società

Cameroun: covid-19, un'epidemia di troppo

Stampa E-mail
24 Aprile 2020
|
Cameroun: Covid-19 une epidemie de trop

La strada verso l'ecatombe?


Dal 6 marzo 2020, data di conferma del primo caso d'infezione da COVID-19 in Camerun, voglio credere, osando sperare con tutte le mie forze, che si riuscirà a evitare il peggio: quello previsto dalle istituzioni sanitarie mondiali come l'OMS, e altri attori del settore medico, compresi gli informatori, credibili o meno, le cui spaventose - persino apocalittiche - statistiche prevedono una contaminazione esponenziale del Coronavirus nei prossimi giorni.

Ma al contrario - devo ammetterlo - la mia semplice speranza di sopravvivenza, comune ai miei concittadini, è un disperato desiderio di Africano. Emerge davanti a noi una realtà inquietante e spaventosa. Senza conclusioni affrettate o emozioni sfrenate, e mantenendo le proporzioni nella misura del possibile; sembra ovvio che il Camerun - come molti Paesi del continente - non è strutturalmente, finanziariamente, psicologicamente e politicamente pronto ad affrontare una crisi sanitaria che paralizza l'umanità, tanto quanto sfida il genio medico globale. Il momento mette in causa e sfida le capacità strategiche nel cuore dei sistemi di sicurezza, anche delle nazioni meglio strutturate e più ricche del pianeta. La specie umana è vulnerabile, viviamo il contrario dei valori morali, culturali, filosofici, religiosi e spirituali su cui è stato eretto il nostro orgoglio.

Detto questo, la strada sembra molto lunga. Per quanto riguarda il virus Corona, la sua presa su popolazioni innocenti e svantaggiate sta accelerando a un ritmo che vorremmo certamente "minimizzare" al fine di contenere e controllare i rischi di instabilità sociale e istituzionale che potrebbero presto essere innescati. Il male crescerà, se le risposte e le misure del governo camerunese, messe in atto per affrontare il "global Killer" mondiale, non miglioreranno rapidamente. Il domani rischia dunque di essere molto doloroso.

Ho in mente, mentre scrivo questo articolo, la terribile sofferenza del popolo italiano che sta subendo un'enorme e pesante perdita di vite umane. Rendo omaggio qui a tutti coloro che vedono disperatamente morire qualcuno così caro a loro. Saluto anche il ricordo di Manu Dibango, illustre sassofonista camerunese di fama internazionale, scomparso a Parigi pochi giorni fa.


Mezzi di lotta deboli, organizzazione insoddisfacente

Istituito il 31 marzo 2020 dal Presidente della Repubblica del Camerun, circa un mese dopo, uno speciale Fondo nazionale di solidarietà è dedicato al finanziamento di quest'altra guerra, contro il Covid-19. Ma se la misura di Paul Biya è una risposta normale, è ben lungi dall'essere benefica. Le casse del Fondo languono, il piatto è leggero. Una delle cause sarebbe che la maggior parte dei potenziali benefattori e donatori, sono in gran parte ex dipendenti pubblici o uomini d'affari corrotti arrestati e ancora in detenzione per corruzione e appropriazione indebita di fondi pubblici; conseguenza dell'emergere di una borghesia burocratica che ha seriamente rallentato la crescita economica.

In termini pratici, le esigenze previste per una potenziale massiccia contaminazione, il materiale e le risorse umane da impiegare saranno insufficienti, mentre quelle già mobilitate si rivelano irrisorie, rispetto a quelle dei paesi vicini in cui la pandemia potrebbe essere meno grave.

Come promemoria, secondo l'OMS nel 2016, l'aspettativa di vita in Camerun oscillava tra 56 e 57 anni; per una popolazione stimata in circa 23.439.000 abitanti. Ancora più preoccupante, l'OMS rivela nel suo rapporto del 2016 che la spesa annuale totale dedicata alla salute di un residente del Camerun è a malapena di 114 euro, circa 75.000 FCFA, la valuta locale. In questo contesto, quattro anni dopo, mentre il paese vive numerose turbolenze di sicurezza interna e politiche, che hanno gravemente danneggiato le sue economie, le persone hanno il diritto di preoccuparsi della loro salute e del loro futuro di vita. La risposta alla guerra al Covid-19, il cui numero di vittime aumenta ogni giorno, manca di metodi affidabili e standardizzati in grado di gestire la situazione in modo ottimale.

Per quanto riguarda la prevenzione, è deplorabile che finora le popolazioni abbiano ignorato o non rispettato le linee guida designate. Le 13 misure governative adottate dal Primo Ministro Dion Ngute mostrano morbidezza e impraticabilità sul campo. Ancora una volta, una delle cause è la strutturazione socio-economica del Camerun, un paese in cui quasi il 90% dei posti di lavoro è informale e in cui l'esodo rurale e il disordine urbano devono essere classificati tra le altre epidemie sociali.

Persone con la mascherina al Central Hospital di Yaoundé, capitale del Camerun
Persone con la mascherina al Central Hospital di Yaoundé, capitale del Camerun

Nel tentativo di affrontarlo, lo Stato pensa in primo luogo a fare affidamento sui Comuni locali, i cui leader recentemente eletti, sfortunatamente non hanno, per la maggior parte, né esperienza né competenze comprovate per gestire una semplice crisi locale di malaria. La situazione attuale suggerisce che la consapevolezza del pericolo sia da parte del governo che delle persone, compresi i media, è ancora insufficiente. La disciplina dei cittadini viene minata, l'anarchia mostrata dalla società camerunese e l'inadempienza volontaria dei codici di sicurezza, la mancanza di personale di sicurezza in un contesto di guerra terroristica interna e le tendenze secessioniste fanno decisamente pendere la bilancia verso una probabile caos umanitario.


La spinosa questione del confinamento totale del Paese

Gli esperti affermano che con il rallentamento dell'attività e le linee guida adottate dal governo, stiamo andando verso un calo delle entrate pubbliche. Che dire del carrello della spesa della casalinga, costretta a confinarsi per evitare la morte? In un paese con strutture sociali inesistenti prive di misure sociali coraggiose, il confinamento, ritenuto come la strategia più efficace, sarà assolutamente evitato dal regime in questione. I suoi effetti sarebbero disastrosi dopo pochi giorni: problemi di approvvigionamento, gestione dei casi rilevati, carenza di carburante, acqua ed elettricità, anarchizzazione del trasporto urbano... Sarà impossibile controllare le strade e potrebbero sorgere forme di resistenza sociale, favorendo la destabilizzazione delle istituzioni e gli sforzi che sono già stati fatti con scarso consenso. Il quadro è molto cupo, i rischi sono enormi e la posta in gioco è alta.


Numeri di contaminazione che crescono...

Il pericolo potrebbe venire maggiormente dalle persone descritte come "portatori asintomatici", che si stanno dimostrando sempre più veri vettori della pandemia. Questa settimana, su un campione di 1000 persone testate, quasi 365 persone erano positive o con un alto potenziale di contaminazione.

Secondo l'opinione di alcuni esperti, che hanno osservato come l'evoluzione della contaminazione, nella maggior parte dei paesi, segua la curva dell'equazione di Verhulst, ancora conosciuta come "funzione logistica", si prevede che, in base a parametri comportamentali negativi dovuti da un lato alla promiscuità e alle abitudini locali e, in ultima analisi, a una crescente delinquenza e, inoltre, alla luce dell'inefficacia dei metodi di risposta offerti dallo Stato, le cifre della contaminazione potrebbero superare o stabilizzarsi intorno ai 10.700 casi.

Se per il momento, i dati ufficiali annunciati dal Ministero della sanità pubblica del Camerun indicano il 4 aprile 2020, quasi 555 persone dichiarate positive, con 17 guariti e 9 morti, nulla ci dice, tuttavia, che questo tasso di mortalità di circa l'1,62% calcolato sul numero di casi positivi, rimarrà sempre molto al di sotto del tasso di guarigione, che attualmente è circa il 3,5% su questo stesso numero di contaminazioni. In breve e qualunque cosa la gente dica, questo tasso di guarigione è estremamente basso.

Lo spettro della banalizzazione incombe sul Camerun e la "malattia cinese" altrove ha sufficientemente dimostrato se è necessario ripeterlo, che sicuramente non sarà il miele o il limone, tanto meno la farmacopea della nonna che sconfiggerà il mostro. Tutte le opinioni infondate a volte provenienti da scienziati che hanno affermato che il virus non sopravvivrebbe alle condizioni atmosferiche del continente cadono e collassano per lasciare sempre più dubbi nella mente collettiva. Covid-19 è una malattia altamente contagiosa, il suo modo di contaminazione (aria e contatto) la rende la pandemia più mortale dal 1918, sebbene la scienza e la medicina hanno fatto enormi progressi.


Nanga Khon, un romanzo che racconta una storia che ritorna

Al momento di lasciare la mia tastiera, fonti storiche nella nostra memoria, riportano attraverso Nanga Khon che un'epidemia si sarebbe scatenata in Camerun negli anni 1918, allora sotto il dominio tedesco. Il dramma è raccontato in un testo pubblicato in lingua Bulu da uno dei primi scrittori camerunesi Jean Louis Njemba Medou (1902-1966). A quel tempo, una curiosa malattia chiamata "influenza cinese" uccise migliaia di Camerunensi e decimò interi villaggi. I tedeschi stabilirono il contenimento delle popolazioni, ma nulla fu d'aiuto. Tuttavia, secondo il cronista, i nostri antenati hanno trovato un rimedio che ha salvato il resto della popolazione. Due erbe bollite abbastanza comuni nei nostri villaggi... Il Camerun era guarito dall'influenza cinese. Manteniamo la speranza, restiamo aperti e ricettivi alla grande saggezza della sopravvivenza. La scienza non ha limiti se non nelle menti degli umani.


Brice Tjomb è ricercatore, corrispondente per l'Africa di Shan Newspaper


|
 

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su YouTube