Stampa E-mail
|




Per vivere in armonia con se stessi e smettere di fare del male agli animali

A cura di Mirella Zamboni



Gli stili alimentari che non prevedono l'introduzione a tavola di carne e pesce incontrano sempre più il riconoscimento della ricerca scientifica. Nutrirsi senza mangiare gli animali, oltre che un atteggiamento etico e civile, è diventato anche una necessità per prevenire il cancro e prolungare le aspettative di vita. Ma esistono ancora pregiudizi secondo cui la cucina vegetariana è complicata e poco gustosa.


Questa rubrica intende far conoscere piatti vegetariani, semplici e di facile preparazione.

Potrete, così, scoprire che la cucina vegetariana può essere molto varia, sana, nutriente  e con un pizzico di creatività che piace a tutti i palati.







LE RICETTE DI MARZO

Carciofi alla menta



Per questa ricetta semplicissima è necessario avere la pentola a pressione perché la cottura al vapore rende morbidi e teneri i carciofi.

Tempi di preparazione: 30 minuti circa compresa la cottura

Dosi per 4 persone:

Due carciofi a testa

Olio d’oliva

Sale q.b

Una tazzina d’acqua

Foglie di menta


Pulire e tagliare i carciofi a spicchi, mettere un dito d’olio d’oliva nella pentola a pressione, versare alcune foglie di menta tagliate grossolanamente, aggiungere i carciofi, una tazzina d’acqua e le ultime foglie di menta. Salare e chiudere la pentola a pressione.

Cuocere per dieci minuti circa a fuoco lento e i carciofi sono pronti!      


Verdure all’orientale


Questo è un piatto di semplicissima preparazione, saporito e leggero!

Tempi di preparazione: 30 minuti


Dosi per 4 persone:

Due carote

Due o tre zucchine

Un pezzo di broccolo media grandezza

Una mela verde

Una cipolla bianca dolce o cipolla rossa di Tropea

Olio d’oliva

Un bicchiere di vino bianco

Zenzero in polvere

Sale q.b.

Per la cottura di questo piatto è necessario avere la carta stagnola perché le verdure verranno cotte in un cartoccio.


Pulire le verdure e sbollentarle velocemente per cinque minuti, mantenendo la croccantezza. Mentre si sbollentano le verdure (non più di tre minuti per carote e zucchine, qualche minuto in più per il broccolo) affettare la mela con la buccia e la cipolla.

Tagliare le carote e zucchine prima a metà e poi a spicchi tipo “julienne” non troppo sottili.

In una teglia dai bordi alti posizionare la carta stagnola per il cartoccio, versare un po’ d’olio d’oliva, sistemare le verdure cotte partendo dal broccolo e sopra quelle crude, salare.

Aggiungere il bicchiere di vino bianco, spolverizzare lo zenzero e chiudere bene il cartoccio.

Infornare per quindici minuti circa a 150 gradi.


Frittelline con porri e mela

Queste frittelle sono ottime con diverse verdure: zucchine, carciofi…la ricetta di oggi prevede i porri e la mela verde.

Tempi di preparazione: 30 minuti circa


Dosi per 4 persone:

Una confezione da 500 grammi di farina di ceci

Due porri

Una mela verde

Olio d’oliva e olio di semi per friggere

Acqua e sale q.b.


Lavare i porri e affettarli sottilmente, sbucciare la mela e tagliarla a pezzettini.

In una padella antiaderente versare un filo d’olio d’oliva e far dorare i porri con la mela. Salare leggermente.

In una terrina versare metà farina di ceci, versare un po’ d’olio d’oliva, acqua, sale e mescolare fino a quando risulterà un impasto cremoso privo di grumi.

Versare nell’impasto le verdure dorate e mescolare accuratamente, in un piatto versare un po’ di farina e con le mani iniziare al lavorare l’impasto formando delle polpettine.

Friggere per cinque minuti nell’olio di semi ben caldo. Asciugare le frittelline e salare ancora leggermente.






SPECIALE BEFANA


Secondo la tradizione italiana la Befana, raffigurata come una donna molto anziana che vola su una logora scopa, fa visita ai bambini nella notte tra il 5 e il 6 gennaio (la notte dell'epifania) per riempire le calze lasciate da essi appositamente appese sul camino o vicino a una finestra.

L'origine di questa figura va probabilmente connessa a tradizioni agrarie pagane relative all'anno trascorso, ormai pronto per rinascere come anno nuovo

Anticamente la dodicesima notte dopo il solstizio invernale, si celebrava la morte e la rinascita della natura, attraverso la figura pagana di Madre Natura, e in quella notte si potevano vedere volare sui campi appena seminati figure femminili per propiziare i raccolti.

Tale figura fu duramente condannata dalla Chiesa ritenendola frutto di influenze sataniche.

La nostra Befana, il cui aspetto, benché benevolo, è chiaramente imparentato con la personificazione della strega ha l’aspetto di una vecchia che vola a cavallo di una scopa e  sarebbe dunque una raffigurazione dell'anno vecchio: una volta davvero concluso, lo si può bruciare così come accadeva in molti paesi europei, dove esisteva la tradizione di bruciare fantocci, con indosso abiti stracciati.

La Befana si richiama anche ad alcune figure della mitologia germanica, Holda e Berchta, sempre come personificazione della natura invernale.

I doni portati dalla befana hanno valore propiziatorio per l’anno nuovo e molte ricette dispensano “doni” come la focaccia di alcune vallate piemontesi contenenti una fava “porta fortuna” per chi la trova!


Polentine con lenticchie


Questo piatto molto semplice può essere servito come antipasto o come secondo.

Tempi di preparazione: le lenticchie vanno cotte a fuoco lento almeno due ore, la polenta è meglio prepararla alcune ore prima per poi “copparla” e servirla come accompagnamento alle lenticchie.


Dosi per 4 persone:

Mezzo chilo di farina da polenta

250 grammi di lenticchie secche

Mezzo scalogno

Alcuni grani di ginepro (a chi piace il sapore)

Tre cucchiai di concentrato di pomodoro

Brodo vegetale

Una foglia di alloro

Olio d’oliva

Sale q.b.

Lenticchie: tritare finemente lo scalogno e metterlo a dorare con un cucchiaio di olio d’oliva in una padella piuttosto alta, versare le lenticchie secche e aggiungere un mestolo di brodo vegetale. Aggiungere i tre cucchiai di concentrato di pomodoro, i grani di ginepro e la foglia d’alloro, coprire con un coperchio  e lasciare cuocere a fuoco lento avendo cura di girare ogni tanto aggiungendo brodo all’occorrenza.

Lasciare cuocere per almeno due ore, verso fine cottura salare , aggiungere ancora del brodo in modo tale da lasciare un delizioso sugo che ben si “sposa” con la polenta.


La polenta va preparata nel modo classico, versata in un contenitore e lasciata raffreddare a temperatura ambiente.

Quando è raffreddata tagliare con un “coppa pasta” e servire con le lenticchie. Se ritenete la polenta troppo fredda scaldarla velocemente in forno, dopo che è stata tagliata.


Flan di patate, broccoli e fagiolini


Adoro i flan, e quelli a base di patate sono molto semplici da fare

Tempi di preparazione: circa un ora e trenta


Dosi per 4 persone:

6 patate di media grandezza

Una manciata di fagiolini

300 grammi di broccoli, circa

1 uovo

Un bicchiere di latte (va bene anche il latte di soia)

Olio d’oliva

Un cucchiaio di farina bianca

Sale q.b.


Pelare le patate, tagliare grossolanamente e far cuocere in una pentola con acqua salata.

Lo stesso procedimento va fatto per i broccoli e i fagiolini che vanno cotti insieme.

Quando le verdure sono pronte usando il minipimer frullare le patate e i broccoli con i fagiolini.

In una padella antiaderente versare le verdure, aggiungere un pochino di latte , raggiungendo la consistenza di una purea, salare.

Lasciar riposare la purea e nel frattempo montare a neve l’albume di un uovo, il tuorlo va incorporato nella purea avendo cura di mescolare molto bene.

Incorporare poi l’albume, mescolando fino ad ottenere un composto soffice e cremoso.

Preparare la teglia da plum cake, ungendola e infarinandola, versare il composto e cuocere in forno ventilato per 25, 30 min a 150 gradi.

Prima di servire nel piatto lasciare raffreddare così il flan non rischia di rompersi.


Risotto al parmigiano


Tempi di preparazione: circa trenta minuti


Dosi per 4 persone:

Un bicchiere di riso carnaroli per ogni persona

Uno scalogno

250 ml di panna

250 grammi di parmigiano grattugiato

Una manciata di prezzemolo

Brodo vegetale

Un bicchiere di vino bianco

Olio d’oliva

Sale q.b.

In una padella antiaderente versare un cucchiaio di olio d’oliva e cuocere  mezzo scalogno tritato, quando lo scalogno sarà dorato aggiungere il riso, mescolare, versare il bicchiere di vino bianco e lasciar sfumare. Nel frattempo versare in una terrina il formaggio grattugiato e la panna, mescolando bene fino a quando non ci saranno più grumi, versare metà terrina sul riso, aggiungere del brodo e lasciare cuocere, avendo cura di mescolare ogni tanto.

A quasi cottura ultimata aggiungere l’altra metà della terrina, mescolare bene e spegnere il risotto, lasciando sempre il coperchio. Lasciare riposare un paio di minuti e… servire!


Belga e radicchio caramellati

Contorno molto semplice e gustoso.

Tempi di preparazione: circa trenta minuti


Dosi per 4 persone:

2 cespi di insalata belga

2  cespi di radicchio

Olio d’oliva

Aceto balsamico

Zucchero di canna

Sale q.b.


Lavare l’insalata, tagliarla per lungo a fette non troppo sottili. Scaldare una padella antiaderente e mettere a cuocere, prima la belga. Quando la belga sarà dorata, giratela in modo da cuocere da ogni lato, versare due cucchiaini di zucchero di canna,un pizzico di sale, una lieve spruzzata di aceto balsamico e un filo d’olio d’oliva, lasciare cuocere ancora due minuti  fino a quando lo zucchero non sarà caramellato e togliere dalla padella. Ripetere lo stesso procedimento con il radicchio. Prima di servire aggiustare di sale.


Crêpes al cioccolato fondente


Tempi di preparazione: circa quarantacinque minuti.


Ricetta base per le crêpes


Dosi per 10 crêpes:

Un uovo

Una tazza di latte,

3 cucchiai colmi di farina

Un pizzico di sale

Un cucchiaino di zucchero per le crêpes dolci


Dosi per il cioccolato fondente fuso:

250 grammi di cioccolato fondente

Un cucchiaio di latte


Mescolare tutti gli ingredienti fino a ottenere un impasto senza grumi. Coprire e lasciar riposare per mezz'ora.

Mentre l’impasto per le crêpes riposa in un tegame antiaderente versare il cioccolato spezzettato, aggiungere il latte e lasciar sciogliere a fuoco lento, versare all’occorrenza dell’acqua fino a che il composto non risulti fluido e cremoso
Spennellare la crepiera o una pentola antiaderente con olio o burro, farla scaldare bene a fuoco moderato, versare una cucchiaiata di pastella e farla allargare bene. Dopo circa un minuto la crêpes dovrebbe sollevarsi: girarla e cuocere sull'altro lato.

Quando le crêpes saranno pronte farcirle con il cioccolato fondente e servire leggermente tiepide.




LE RICETTE DI GIUGNO


È tempo di verdure meravigliose, di profumi inebrianti e di ricette che un po’ rispecchiano la primavera e inizio estate.
In queste ricette ci saranno zucchine novelle con fiori di zucca, asparagi, melanzane e peperoni cucinati in modi differenti, semplici e gustosi.

Ricette con gli Asparagi
Gli asparagi sono un dono impareggiabile della natura, noti già nell’antichità per le proprietà drenanti, disintossicanti, diuretiche e… anticellulite!
Ve ne sono di tipi diversi (bianchi, verdi, selvatici…) e possono essere gustati in modi diversi.

Asparagi in salsa piccante


Ricetta decisamente semplice.

Tempi di preparazione: 35 minuti circa, compresa la cottura

Dosi per 4 persone:

Otto asparagi a testa

Quattro cucchiai di senape non forte

Olio d’oliva

Succo di limone

Sale q.b.

Pulire della parte più dura gli asparagi, lavarli delicatamente sotto l’acqua corrente e metterli a cuocere in una pentola con acqua.

Nel frattempo emulsionare qualche cucchiaio d’olio con alcune gocce di limone e quattro cucchiai di senape dolce. Deve risultare una cremina dorata e fluida. Cuocere gli asparagi facendo attenzione alle punte e controllandoli spesso (non vanno comunque cotti troppo perché risultano molli).

Servire in un piatto di portata con l’emulsione a fianco o in alternativa in una ciotolina per ogni persona.        


Pappardelle alla crema e punte d’asparagi


La pasta agli asparagi è un primo piatto delizioso a base di pappardelle condite con una crema di asparagi semplice e molto saporita.

Tempi di preparazione: circa 45 minuti


Dosi per 4 persone:

Quattro asparagi a persona

Olio d’oliva

Sale q.b.

400 grammi di pappardelle fresche

Scartare le parti più dure e legnose degli asparagi, lavarli, tagliare le punte e conservarle per cuocerle in un secondo momento. In una pentola con acqua leggermente salata mettere a cuocere i gambi per almeno venti minuti. Aggiungere le punte e continuare a far cuocere per circa otto minuti. Scolare il tutto. Tagliare a pezzetti i gambi degli asparagi e frullarli con aggiunta di un filo d’olio d’oliva e due cucchiai di acqua di cottura, fino a ottenere una crema fluida. In una padella versare la crema di asparagi mentre cuoce la pasta, scolatela direttamente nella padella, per non farla seccare troppo aggiungere qualche cucchiaio di acqua di cottura, incorporate le punte d’asparagi tagliate, aggiustate di sale e… servire ben caldo!


Questo piatto può anche essere in versione vegana utilizzando pasta di grano duro al posto delle pappardelle all’uovo, tipo mezze penne.


Ricette con le Zucchine novelle

Le zucchine sono ortaggi di modesto contenuto calorico (contengono oltre il 90% di acqua), altamente digeribili, e reperibili sul mercato tutto l'anno: contengono potassio, vitamina E, C e acido folico; hanno un'azione lassativa, disintossicante e antinfiammatoria.

Le zucchine sono adatte per il consumo a crudo, come antipasto, ma anche per essere cotte alla griglia o trifolate come ottimo contorno; nei primi piatti le troviamo in minestroni, pasta e risotti. Sono adatte per essere pastellate e fritte e nelle torte salate, ottimi i fiori ripieni.

Zucchine in carpione “light”



Ho definito zucchine in carpione “light” perché la ricetta tradizionale prevede il burro, il vino e una preparazione decisamente più lunga.

Tempi di preparazione: quarantacinque minuti circa e vanno consumate fredde


Dosi per 4 persone:

400 grammi di zucchine piccole

Una cipolla rossa di Tropea

Qualche foglia di salvia

Olio di semi per friggere

Aceto di vino bianco

Sale q.b.

Lavare e tagliare le zucchine sottilmente nel senso della lunghezza e friggerle in abbondante olio di semi con l’aggiunta di foglie di salvia.

Quando sono cotte, scolatele dall’olio, asciugatele con la carta assorbente e salatele. Disponete le zucchine in una terrina, anche in più strati.

Quando avete terminato di cuocere le zucchine tagliate la cipolla a julienne e fatele appassire nell’olio rimasto aggiungendo due/tre cucchiai di aceto di vino bianco, cuocete qualche minuto a fuoco basso. Versare la “salsa” ben calda sulle zucchine, lasciare riposare in frigorifero per qualche ora prima di consumarle.


Reginette con zucchine, fiori e pinoli

Ci sono tantissime ricette di pasta con le zucchine io propongo questa.

Tempi di preparazione: circa trenta minuti


Dosi per 4 persone:

300 grammi di zucchine piccole con i fiori

Una manciata di pinoli

Olio d’oliva

Uno spicchio d’aglio (facoltativo)

Un mini peperoncino

Lavate le zucchine, togliere delicatamente i fiori, tagliate le zucchine a metà e poi sottilmente nel senso della lunghezza. In una padella mettete lo spicchio d’aglio privato dell’anima e il peperoncino. Dopo che saranno leggermente dorati toglierli e versare le zucchine che devono cuocere per qualche minuto a fuoco vivace. Nel frattempo preparate l’acqua salata per la pasta. Dopo circa dieci minuti di cottura abbassate la fiamma e continuate a cuocere le zucchine salandole e aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura. Quando la pasta sarà quasi pronta aggiungete i fiori di zucchina (devono cuocere pochissimo) e la manciata di pinoli precedentemente dorati in padella. Versare la pasta direttamente nella padella, se il sugo rimane troppo asciutto aggiungete ancora un pochino d’acqua per mantecarla, servite ben calda!


Ricette con le Melanzane

Povera di calorie ma ricca di sapore, la melanzana è un ortaggio prevalentemente estivo che stimola i reni, riduce il colesterolo e appiattisce la pancia.


Melanzane ripiene


È una ricetta molto semplice e gustosa.

Tempi di preparazione: circa un’ora… perfette preparate il giorno prima e scaldate prima di consumarle


Dosi per 4 persone:

Due melanzane lunghe piuttosto grosse

Tre manciate di pomodorini ciliegia

Olive taggiasche

Capperi

Foglie di basilico

150 grammi di pecorino dolce (in alternativa una mozzarella oppure 150 grammi di formaggio grattugiato tipo grana)

Olio d’oliva

Sale q.b.

Lavate le melanzane, tagliatele a metà (per la lunghezza) e fatele bollire in abbondante acqua. Quando sono morbide, scolatele e scavate la polpa con un cucchiaio. In una padella antiaderente mettere un filo d’olio e fate cuocere, a fuoco vivace per qualche minuto, la polpa delle melanzane strizzata e tagliata grossolanamente, insaporite con sale. Togliete dal fuoco e versate la polpa in una terrina, nella stessa padella versare i pomodorini lavati e tagliati a quarti insieme a olive e capperi. Cuocete a fuoco vivace, aggiungete il basilico e salate.

Incorporate il sugo nella terrina con la polpa, versate il composto nelle melanzane scavate, aggiungete il pecorino dolce tagliato a pezzi o la mozzarella o ancora in alternativa il formaggio grattugiato. Irrorate con un filo d’olio d’oliva e cuocete in forno ventilato a 180 gradi per quaranta minuti. Ottime anche gustate tiepide!


Ricette con i Peperoni

Il peperone ha pochissime calorie (23 ogni 100 grammi) perché è costituito in larga parte da acqua (più del 90%), contiene una buona dose di provitamina A (rassodante) ed è soprattutto un'ottima fonte di vitamina C (antiossidante e rassodante), presente in quantità maggiore rispetto anche agli agrumi. Il peperone verde è più “piccante” ed è depurativo, quello rosso più saziante…


Peperoni imbottiti


Tempi di preparazione: un’ora e trenta minuti circa


Dosi per 4 persone:

Quattro peperoni (o due se li servite come antipasto)

Una lattina di polpa di pomodoro

Una manciata di capperi

Olive taggiasche

Due panini raffermi

Qualche foglia di basilico

Olio d’oliva


Lavate bene i peperoni, tagliateli a metà, eliminate i semi interni e disponeteli su una teglia da forno. Versate qualche cucchiaiata di polpa di pomodoro nelle “barchette” di peperoni, affettate il pane raffermo, eliminate la crosta e tagliate il tutto a dadini, adagiate il pane nei peperoni, versate ancora un po’ di salsa, aggiungete i capperi e le olive, irrorate d’olio d’oliva e mettete a cuocere nel forno a 170 gradi per circa un’ora. Controllate spesso perche se il pane dovesse risultare troppo secco si possono aggiungere dei cucchiai di acqua calda. I peperoni devono risultare croccanti, ma morbidi al contempo, servire ben caldi!







LE RICETTE DI MARZO


Crema erbette, verza e finocchi


Questa crema è molto semplice da preparare, gustosa e leggera.

Tempi di preparazione: due ore e trenta in pentola normale, con la pentola a pressione 45 minuti ca


Dosi per 4 persone:

1 finocchio grande

300 grammi di erbette o biete

400 grammi di verza

2 patate

Un cucchiaino di concentrato di pomodoro

Olio d’oliva

Sale q.b.


Lavare bene le verdure, tagliarle grossolanamente e versare in una pentola con un filo d’olio, fatele scottare leggermente poi aggiungete un litro d’acqua fredda, per dare un tocco di sapore in più (tutte queste verdure sono tendenzialmente dolci) aggiungere un cucchiaino di concentrato di pomodoro. Lasciate cuocere per circa due ore, aggiungendo acqua se si consuma troppo.

Aggiustate di sale e quando le verdure saranno ben cotte frullatele con il minipimer.

Se il tempo, invece, è poco fate cuocere per circa trenta minuti in pentola a pressione.

Servire con un filo d’olio d’oliva.         


Finocchi stracchinati


Questo è un gioco di parole per definire finocchi gratinati con lo stracchino, è una ricetta molto semplice e light.

Tempi di preparazione: circa 45 minuti


Dosi per 4 persone:

4 finocchi di media grandezza

500 grammi di stracchino o certosa

Sale q.b.


Mondare e lavare bene i finocchi, tagliarli in quattro parti e metterli a cuocere per quindici minuti in abbondante acqua. Quando i finocchi saranno cotti, (non devono disfarsi) scolarli e tagliarli a fette non troppo sottili. Sistemarli in una pirofila da forno e salateli, sopra poi aggiungete fette di stracchino e infornate per 15 min circa.


Questo piatto può anche essere in versione vegana utilizzando stracchino di soia.


Frittelle di patate e carciofi


Tempi di preparazione: circa 50 minuti


Dosi per 4 persone:

4 carciofi

4 patate

1 uovo

100 grammi di formaggio grattugiato

Un bicchiere di latte

Due bicchieri di farina bianca

Olio d’oliva

Olio di semi per friggere

Sale q.b.


Per questa ricetta ho usato un avanzo di purea e per dare un “tocco in più” ho cucinato a parte dei carciofi.

Ho lavato bene i carciofi, li ho tagliati a fettine e messi a cuocere con un filo d’olio d’oliva per dieci minuti nella pentola a pressione.

Nel frattempo con l’avanzo di purea ho iniziato a preparare le prime frittelle.

Ho sbattuto l’uovo con un po’ di farina, sale e formaggio grattugiato, ho diviso poi il composto a metà e nella prima terrina ho versato il purè. Ho mescolato bene, fino a quando il composto è risultato cremoso, ma non liquido. Con il cucchiaio ho preso del composto che ho posto sulla farina che precedentemente ho versato su un piatto piano, ho infarinato ben bene la frittella da ambo le parti e ho ripetuto l’operazione con tutto il composto a base di purea.

Con i carciofi ho fatto la stessa cosa, aggiungendo un pochino più di formaggio e farina nel composto.

Quando tutte le frittelle erano pronte le ho cotte in abbondante olio per frittura e salate prima di servire… buonissime!


Scarola alla siciliana

Contorno facilissimo e di gran sapore.

Tempi di preparazione: 20 minuti ca


Dosi per 4 persone:

Un cespo di scarola piuttosto grande

Olive taggiasche denocciolate

Capperi

Olio d’oliva

Sale q.b.


Lavare in abbondante acqua la scarola, tagliarla prima a metà, poi a strisce non troppo sottili. Versare un po’ d’olio d’oliva in una padella antiaderente piuttosto ampia, versare la scarola e fare cuocere un po’ fino a quando avrà perso tutta l’acqua., aggiungere il sale, i capperi e le olive. Mescolare bene e cuocere per circa dieci minuti fino a quando la scarola sarà pronta e da gustare.


Tris di verdure cotte


Contorno semplice e gustoso.

Tempi di preparazione: 45 minuti circa


Dosi per 4 persone:

4 zucchine

2 peperoni rossi o gialli (come preferite)

4 carote

Olio d’oliva

Aceto balsamico

Un pizzico di zucchero

Sale q.b.


Mondare e lavare bene le verdure.

Tagliare le zucchine e le carote a metà e metterle a cuocere per circa dieci minuti in una pentola d’ acqua.

Nel frattempo tagliare a striscioline i peperoni e rosolarli in una padella antiaderente con un filo d’olio d’oliva, lasciare cuocere. Quando le zucchine e le carote saranno pronte tagliarle ulteriormente e versatele nella padella con i peperoni. Aggiungere un cucchiaino di aceto balsamico, un pizzico di zucchero (per l’effetto caramellato) e salare.

Mescolare bene e cuocere a fuoco vivace per circa cinque minuti e le verdure saranno pronte da servire!







LE RICETTE PER L'INVERNO


Flan di zucchine


Questa è una ricetta abbastanza semplice, solo un po’ lunga nella preparazione.

Tempi di preparazione: un’ora e trenta minuti ca


Dosi per 6/8 persone:

Un bicchiere di latte

125 ml di panna liquida

Quattro cucchiai di farina bianca

1 uovo

Tre zucchine

Sale

Olio d’oliva


Pulite e lavate le zucchine e mettetele a cuocere tagliate a rondelle piuttosto fini in una padella antiaderente con un cucchiaio d’olio. Mentre cuociono le zucchine preparate una besciamella: in una pentola antiaderente versate il latte e a fuoco basso aggiungete la farina setacciata (lasciarne mezzo cucchiaio che serve per la pirofila), salare e mescolare continuamente.

Quando la besciamella è cremosa spegnere il fuoco e lasciare riposare, nel frattempo montate a neve l’albume dell’uovo con un pizzico di sale e il tuorlo versatelo nella besciamella, mescolando delicatamente fino a quando il composto sarà ben amalgamato. Incorporate l’albume montato nel composto mescolando sempre delicatamente.

Questa è la base del flan.

Ora frullate le zucchine e aggiungetele al composto. Ungete leggermente una pirofila da forno dai lati piuttosto alti, infarinate e scuotete per eliminare la farina in eccesso, versate il composto e cuocere in forno ventilato a 160 gradi per circa trenta minuti, fino a quando non vedete una crosticina dorata.          


Nidi di patate e formaggio


Piatto semplice e di grande effetto!

Tempi di preparazione: un’ora circa compresa la cottura in forno, se si usa il preparato per la purea anche meno.


Dosi per 4 persone:

4 patate farinose piuttosto grosse

Mezzo lt di latte intero

50 grammi di burro

50 grammi di parmigiano

120 grammi di formaggi misti

Qualche foglia di prezzemolo

Sale


Questa ricetta è l’ideale per consumare i vari avanzi di formaggi che languono nel frigorifero e non volete preparare pasta ai formaggi o la polenta gratinata…

Cuocere le patate sbucciate e tagliate a tocchetti in abbondante acqua salata, quando le patate sono pronte procedete a cuocere una classica purea con il latte, il burro e il parmigiano. Fate sciogliere in una padella antiaderente i formaggi tagliati a pezzetti e incorporatene una parte alla purea, lasciandone una parte per “l’interno del nido”.

Tritate le foglie di prezzemolo e aggiungetele al composto. Mescolare bene, la purea deve risultare soffice, ma piuttosto consistente. Preparate una teglia ricoperta di carta da forno e  mettete la purea in un “sache a poche”, delicatamente e con un gesto circolare versate la purea creando “dei nidi” e lasciando un piccolo vuoto centrale, nel vuoto versate il resto dei formaggi.

Infornate nel forno ventilato a 160 gradi per circa venti/ trenta minuti fino a quando le patate saranno dorate.


Finocchi gratinati


Ricetta decisamente semplice.

Tempi di preparazione: 45 minuti circa


Dosi per 4 persone:

Quattro finocchi

Uno spicchio d’aglio ( facoltativo)

Olio d’oliva

Sale q.b

60 grammi di parmigiano reggiano grattugiato


Lavate e tagliate i finocchi a spicchi sottili e metteteli a cuocere a fuoco basso per almeno trenta minuti in una padella antiaderente con un filo d’olio, senza aggiunta di acqua o brodo vegetale, avendo cura di mescolare spesso e di tenere la pentola chiusa da un coperchio.

Quando i finocchi saranno cotti poneteli in una pirofila, cospargeteli di formaggio grattugiato e metteteli in forno ventilato a 170 gradi per circa dieci/quindici minuti.


Questo piatto può anche essere in versione vegana non facendo gratinare i finocchi cotti con il formaggio, ma con un trito di mollica di pane, prezzemolo e un filo d’olio d’oliva. Gratinare in forno ventilato a 170 gradi per circa dieci/quindici minuti.


Orecchiette alla crema di cavolfiori


Ricetta semplice e saporita.

Tempi di preparazione: circa quarantacinque minuti


Dosi per 4 persone:

400 grammi di orecchiette

6 /8 cime di cavolfiore

Un pezzetto di peperoncino

Olio d’oliva

Sale q.b.

Pulite e lavate le cimette di cavolfiore e mettetele a bollire in una pentola con acqua salata. Lasciate cuocere e quando i cavolfiori vi sembreranno cotti togliete con un mestolo un po’ d’acqua, aggiungete il peperoncino e versate le orecchiette.

Lasciate cuocere mescolando di tanto in tanto. I cavolfiori dovrebbero quasi sciogliersi creando così una crema con le orecchiette. Prima di servire condire con un filo d’olio d’oliva.


In versione non vegana oltre all’olio di può spolverare il tutto con formaggio grattugiato.


Pere al vino


Dolce a base di frutta adatto per le sere d’inverno molto fredde…

Ricetta semplice e gustosissima.

Tempi di preparazione: circa quaranta minuti compresa la cottura


Dosi per 4 persone:

8 pere “madernasse” o sei di altro tipo

Zucchero di canna

Cannella

Chiodi di garofano

Vino rosso


Lavate e tagliate a pezzi piuttosto grossi le pere, mettetele in una pirofila, copritele con due/tre cucchiai di zucchero di canna, un pizzico di cannella e uno/due chiodi di garofano (qui si va un po’ a gusti personali, chi ama la cannella può aggiungerne o viceversa). Aggiungere due bicchieri di vino rosso da tavola e infornare per 160 gradi per circa trenta minuti.

Ogni tanto controllate la cottura e che il vino non si asciughi troppo, se vi pare che il vino si restringa da risultare sciropposo aggiungete due cucchiai di acqua.

Le pere quando saranno cotte diventeranno di un bel color bruno e avranno un aroma incantevole che ricorda molto il “vin brulè”!







RICETTE DI SAMAIN… E NON SOLO


Zucca: buona dall’antipasto al dolce!

La zucca è un ortaggio tipico autunnale, ha pochissime calorie ricca di betacarotene, una vitamina che rafforza l’organismo contro i malanni di stagione ed è molto versatile in cucina.

Grazie al suo sapore dolce è particolarmente indicata per zuppe e risotti ( ottimo l’abbinamento con le patate), per tortelli (famosi quelli di Mantova con gli amaretti), per accompagnare i formaggi, e per i dolci con e senza frutta.


Torta di zucca, amaretti e cioccolato


Tempi di preparazione: un ora e trenta circa compresa la cottura in forno


Dosi per una torta da 6/8 persone:

700 gr circa di zucca
150 gr di farina
150 gr di zucchero
150 gr di amaretti sbriciolati
3 cucchiai di cacao amaro oppure 4 di gocce di cioccolato
Una bustina di lievito
2 uova


Cuocere in forno la zucca a fette con la scorza a 180°per 20 minuti. Quando la zucca è pronta eliminate la scorza, mettete la polpa in una ciotola, unite la farina,lo zucchero, gli amaretti sbriciolati, i tre cucchiai di cacao amaro o in alternativa come ho usato in questo caso quattro cucchiai di gocce di cioccolato, lievito i due tuorli d’uovo e frullate con il mixer.

Infine aggiungete gli albumi montati a neve.

Cuocete in teglia infarinata a 190° per 45 minuti o fino a che risulta asciutta alla prova stuzzicadenti o in mini cocotte per fare piccole cake individuali.


Zucca gratinata


Ottimo antipasto fresco e veloce da servire dentro a gambi di sedano.

Tempi di preparazione: 10 minuti di preparazione; 20 minuti di cottura al forno


Dosi per 4 persone:

1 kg di zucca sbucciata e privata dei semi

4 cucchiai di farina

50 grammi d’olio d’oliva

Cannella in polvere, noce moscata e sale q.b.


Pulire bene la zucca, tagliarla a dadini e passiamola nella farina. Ungere il fondo e i bordi di una teglia e versiamo la zucca. Una spolverata di noce moscata grattugiata, cannella e sale e copriamo il tutto con l’olio rimasto, cuociamo in forno già caldo a 180 gradi fino a quando si sarà formata la crosta dorata.







SPECIALE AUTUNNO


L’autunno porta con sé frutta e verdura ricche di vitamine e di sostanze preziose per la salute.

Cavoli, verze, tutti i tuberi come le patate e i topinambur, finocchi, coste, porri, cardi e carciofi,  mandarini, noci, pere  allietano le nostre tavole.

Con i cavoli e le verze si possono fare minestre, zuppe ed involtini, le patate possono essere cucinate in “mille” modi diversi: dai sformati, alle torte rustiche alle insalate e persino dessert!

Ecco alcune ricette con gli ortaggi autunnali.


Verza dolce all’uvetta


Un contorno semplicissimo, veloce e gustoso.

Tempi di preparazione: circa trenta minuti


Dosi per 4 persone:

Una verza dolce

Una grossa manciata di uvetta

Olio d’oliva

Aceto

Sale q.b.


Lavare in abbondante acqua la verza, tagliatela a quadretti e mettetela a cuocere in una padella antiaderente leggermente riscaldata.

Quando la verza inizia a colorire aggiungere un po’d’aceto e l’uvetta.

Coprire il tegame con un coperchio e cuocere a fuoco lento per circa venti minuti. A fine cottura condire con un po’ d’olio d’oliva e aggiustare di sale.

Può essere gustata sia calda che fredda.


Zuppa campagnola


Una “piccola” variante alla solita zuppa di verdure.

Tempi di preparazione: con la pentola a pressione circa 45 minuti a cottura lenta, su fuoco dolce anche quattro ore


Dosi per 4 persone:

1 minestrone surgelato o in alternativa fresco come si trova nei mercati

2 patate

Due cucchiai di salsa di pomodoro

Alcune foglie di basilico

Olio d’oliva

Sale q.b.

Sbucciate le patate e tagliarle a pezzi grossolani, versare un filo d’olio d’oliva nella pentola e mettere a rosolare le patate, aggiungere il resto del minestrone avendo cura di mescolare bene, dopo qualche minuto aggiungere la salsa di pomodoro e le foglie di basilico spezzettate, continuare a cuocere senz’acqua e quando le verdure saranno leggermente dorate aggiungere acqua e sale q.b.

Se avete tempo lasciate cuocere a fuoco lento per tre, quattro ore… se il tempo scarseggia usate la pentola a pressione e in circa quarantacinque minuti avrete un’ottima zuppa fumante!


Focaccia rustica


Ricetta molto semplice, un po’ lunga come tempi di preparazione compresa la lievitazione.

Tempi di preparazione: 20 minuti per l’impasto; Circa due ore per la lievitazione;

20 minuti per la cottura in forno


Dosi per 4 persone:

Per l’impasto:

400 grammi di farina “O”

20 grammi di lievito di birra fresco

Olio d’0liva q.b.

Sale

Una patata cotta

Per la farcitura:

Due bicchieri di salsa di pomodoro

Olive nere

Una mozzarella fiordilatte


Setacciare su un piano di lavoro la farina con un pizzico di sale, formate un mucchietto. Nel frattempo in 150 ml d’acqua tiepida fate sciogliere il lievito di birra.

Prendete la patata precedentemente bollita e passatela nel tritatutto e versatela sul monticello di farina, praticate una cavità centrale e versate lentamente l’acqua con il lievito, aggiungete un po’ d’olio d’oliva e lavorate aggiungendo l’acqua quanta ne assorbe la farina.  Continuate ad amalgamare e lavorare con le mani l’impasto finché  non sarà morbido ed “elastico”.

Modellate l’impasto a palla, sistematelo su un piatto infarinato e copritelo con un telo.

Sistemate il piatto in un luogo tiepido e lasciate lievitare per almeno due ore.

Quando l’impasto avrà terminato la lievitazione accendete il forno a 220-240 gradi (modalità ventilato) e nel frattempo iniziate a stendere l’impasto usando un pochino di farina. Su una teglia versate uniformemente un pochino d’olio d’oliva. Ponete la pasta tirata e continuate a lavorarla con le mane mentre la stendete fino ad ottenere lo spessore che più vi piace. Salate, versate un pochino di salsa  in modo omogeneo, tagliate la mozzarella finemente, sgocciolatela e cospargete l’impasto. Salate, condite con un po’ d’olio d’oliva, aggiungete le olive ed infornate per circa 20 minuti.

Sfornate e gustatela ben calda!


Questa ricetta può anche essere Vegan, se non aggiungiamo la mozzarella
nella farcitura della focaccia, ma usiamo unicamente i pomodorini e le olive.


Terrina alle coste e toma


Ricetta semplicissima, un secondo piatto nutriente e completo; in mini porzioni è gustoso anche come antipasto.

Tempi di preparazione: 45 minuti circa


Dosi per 4 persone:

600 grammi di coste

300 grammi di toma dolce

Sale



Lavare le coste, tagliarle ad una lunghezza massima di circa cinque cm e metterle a cuocere in abbondante acqua.

Quando sono cotte, lasciarle freddare leggermente, strizzarle per eliminare l’acqua in eccesso, salarle leggermente e metterle in pirottini mono porzioni. Mentre preriscaldate il forno a 150 gradi, modalità ventilato, tagliare grossolanamente a tocchetti la toma dolce e cospargete le coste.

Cottura in forno ventilato per quindici minuti circa e due in modalità grill.

In alternativa alla toma le coste ben si abbinano con la certosa o per un piatto più gustoso con il formaggio brie.


Strudel di mele e noci


Ricetta molto semplice e di effetto.

Tempi di preparazione: 45 min circa compresa la cottura


Dosi per 4/6 persone:

Un rotolo di pasta sfoglia quadrata

4 mele renette

Una manciata di uvetta

Una manciata di noci sgusciate

Un limone

Zucchero di canna e zucchero a velo

50 grammi di burro o in alternativa mezzo bicchiere di olio di semi


Lavare e tagliare a tocchetti le mele, metterle in una padellina antiaderente con una noce di burro, spolverate di zucchero di canna e aggiungere il succo di mezzo limone filtrato.

Fate cuocere per una decina di minuti circa, avendo cura di mescolare spesso ( i pezzi non devono sfaldarsi troppo).

Stendere il rotolo di pasta sfoglia, mettere a circa cinque cm. dal bordo il composto di mele, aggiungere l’uvetta e le noci spezzettate grossolanamente.

Arrotolare la pasta sfoglia e “spennellarla” con una noce di burro precedentemente sciolta. Guarnire con alcune fettine di mela.

Cuocere nel forno ventilato a 150/ 180 gradi per circa venti  minuti. Prima di servire spolverate di zucchero a velo.

Delizioso gustato tiepido o freddo.









SPECIALE ESTATE


Con l’arrivo dell’estate è piacevole gustare piatti freddi, non solo ricche insalatone, ma anche primi e crêpes sempre all’insegna del sapore e della leggerezza.


Antipasto


Antipasto mediterraneo


Questo piatto è molto semplice, non velocissimo da fare, ma si può preparare la sera prima e gustarlo nei giorni seguenti.

Tempi di preparazione: circa un’ora


Dosi per 4 persone:

2 peperoni gialli

2 peperoni rossi

1 melanzana tonda piuttosto grossa

4/ 6 zucchine (dipende dalla dimensione)

1 cipolla rossa di Tropea

Basilico e menta

Olio d’oliva e sale q.b.


Lavare le verdure e in una padella antiaderente mettete a “grigliare” fette di melanzane, ogni volta che sono pronte porle in una ciotola e salarle, ripetere il processo anche con le fette di zucchina.

Nel frattempo mettere nel forno a 180 gradi una teglia con i peperoni lavati ed asciugati per circa mezz’ora.

Quando sono cotte tutte le fette di melanzana e zucchina tagliare a fette la cipolla di Tropea e grigliatele nella stessa pentola. Aggiungere la cipolla alle verdure, salare, aggiungere anche le foglie di menta e basilico tagliuzzate e condite con un po’ d’olio d’oliva.

Togliere i peperoni dal forno a cottura ultimata e metterli in un sacchetto di nylon che aiuterà l'operazione di "spellatura".

Quando i peperoni sono tutti puliti, cioè senza pelle e semi lasciarli riposare in una ciotola per far perder loro l’acqua in eccesso. Tagliarli a striscioline ed aggiungerli a tutte le altre verdure, mescolare bene, aggiustare di sale e aggiungere ancora un po’ d’olio d’oliva. Servire.


Mousse di robiola e noci


Ottimo antipasto fresco e veloce da servire dentro a gambi di sedano.

Tempi di preparazione: circa dieci minuti


Dosi per 4 persone:

250 grammi di robiola fresca

Alcune noci sgusciate

Mezzo bicchiere di latte

Un pizzico di sale

Un cuore di gambo di sedano bianco

In una ciotola alta mettere la robiola, il pizzico di sale, le noci e un pochino di latte perché la "mousse" risulti ben morbida, e frullare il tutto con il minipimer. Porre il composto in una ciotola o in alternativa sui gambi di sedano lavati e tagliati a pezzetti lunghi almeno otto, dieci cm. Servire ben freddo.


Rotoli di frittata ripieni

Questo è un piatto molto semplice da fare, può esser gustato come antipasto, ma è anche ottimo come secondo accompagnato da un buon contorno.

Tempi di preparazione: circa mezz’ora


Dosi per 4 persone:

6 uova

100 grammi di parmigiano

Un pochino di latte (una tazzina da caffè)

Un cucchiaino di farina bianca

Sale q.b.

Una manciata di erbe miste (dragoncello, menta, salvia, timo, erba cipollina…)

Una mozzarella o stracchino (a proprio piacimento)

Burro


In una ciotola sbattere le uova con il formaggio, il sale, la farina e il latte. Emulsionare bene fino a quando non ci saranno grumi e il composto risulta liscio e spumoso.

In una padellina antiadente (18 o 20 cm di diametro) sciogliere il burro e versare un mestolo del preparato per la frittata, cuocere a fuoco lento avendo cura di coprire con un coperchio.

Quando la frittata è cotta da una parte, girarla utilizzando il coperchio o un piatto per cuocerla da ambedue i lati. Riporre su un piatto e lasciar raffreddare mentre si cuociono le altre. Lasciare per ultime le frittate con le erbe miste (così la padella sarà sempre pulita).

Per le frittate con le erbe miste:

lavare e tagliare finemente le erbe, metterle a cuocerle velocemente con una noce di burro e versare il composto della frittata ripetendo lo stesso procedimento. Quando tutte le frittate sono pronte riempitele di formaggio e arrotolatele. Ponetele ancora qualche minuto sul fuoco nella padella precedentemente usata per sciogliere il formaggio. Servire.


Primi piatti


Crespelle con patate e asparagina


Tempi di preparazione: circa un’ora


Dosi per 4 persone:

Per le crespelle o crêpes:

40 grammi di burro

250 grammi di farina bianca

Mezzo litro di latte

3 uova

Sale


Per il ripieno:

4 patate

Un mazzo di asparagina

50 grammi di parmigiano grattugiato

50 di robiola fresca

Sale


In una ciotola con il bordo alto porre la farina precedentemente setacciata, un pizzico di sale e mezzo litro di latte. Lavorare bene il composto, fin quando non ci saranno più grumi, io solitamente mi aiuto con il minipimer.

In un'altra ciotola sbattere le uova con un pizzico di sale e aggiungerle delicatamente alla pastella, continuando a mescolare. Aggiungere anche il burro precedentemente fuso in una padellina e mescolare fintanto che il composto non sarà vellutato e senza grumi. Lasciar riposare almeno mezz’ora in frigorifero.

Nel frattempo cuocere in una pentola le patate pelate e tagliate a tocchetti, e in una padella antiaderente l’asparagina lavata e tagliata con un filo d’olio d’oliva.

Quando le patate sono quasi cotte (circa venti minuti) aggiungerle all'asparigina nella padella, salare e mescolare bene. Se il composto si asciuga troppo, aggiungere un mestolo di acqua di cottura delle patate e lasciar cuocere a fuoco lento ancora per una decina di minuti.

Quando le verdure sono pronte metterle in una ciotola alta con metà del parmigiano e la robiola, usare il minipimer per frullare il tutto fin quando non sarà un composto cremoso.

Porre a scaldare una padella antiaderente non troppo grande, far fondere una piccola noce di burro e quando la padella sarà ben calda, versare un mestolino di pastella al centro e ruotare la padella per distribuire bene la pastella (questa operazione deve essere fatta abbastanza velocemente, poiché la pastella, posta sulla padella calda, tenderà a solidificarsi rapidamente impedendovi di spargerla uniformemente sul fondo.) Lasciate cuocere per un minuto scuotendo la padella di tanto in tanto per fare staccare la crêpe dal fondo: non appena sarà dorata, giratela dall’altra parte e attendete che a sua volta assuma lo stesso colore.
Appena pronta, toglietela dalla padella facendola scivolare su di un piatto e continuate così anche per le restanti crêpes, adagiandole una sull’altra a mano a mano che saranno pronte. Ora le crêpes si possono riempire con in composto di verdure e formaggio.

In una terrina da forno porre le crêpes, con qualche noce di burro e il parmigiano rimasto.

Far cuocere in forno ventilato a 180 gradi per dieci minuti e usando la modalità grill per due minuti tanto da formare una dorata crosticina. Servire.


Bucatini “scioè- scioè”


Primo veloce e gustosissimo.

Tempi di preparazione: circa venti minuti


Dosi per 4 persone:

400 grammi di bucatini o spaghetti

Una ventina di pomodorini cigliegini

Alcune foglie di basilico

Uno spicchio d’aglio

Due cucchiai di capperi sott’aceto

Un peperoncino piccante secco

Sale q.b.

Olio d’oliva


Mentre si scalda l'acqua per la pasta, lavare i pomodorini e tagliarli a spicchi, o a metà se sono troppo piccoli, mettere in una padella uno spicchio d’aglio, il peperoncino e olio d’oliva. Quando l’aglio sarà dorato toglierlo dalla padella e aggiungere i pomodorini, il basilico e i capperi. Coprire con un coperchio e cuocere a fuoco medio, avendo cura di mescolare ogni tanto.

Quando i bucatini saranno quasi pronti scolarli direttamente dentro la padella, aggiungere mezzo mestolo d’acqua di cottura, per amalgamare bene la pasta con il sugo, e cuocere a fuoco alto.

Servire se volete così o con abbondante formaggio tipo parmigiano o ricotta dura.


Dolce


Zuppa… non troppo inglese


Dolce fresco e goloso, ottimo se preparato la sera prima per servirlo il giorno dopo.

Tempi di preparazione: un’ora circa


Dosi per 4 persone:

400 grammi di pan di spagna

2 litri di latte

125 dl di panna liquida

2 bicchieri di Alkermes

1 preparato per budino alla vaniglia

1 preparato per budino al cioccolato

Scaglie di cioccolato o cioccolato fuso per guarnire

In una terrina piuttosto grande con i bordi alti almeno 8/10 cm ponete il pan di spagna, in alternativa potete preparare tante porzioni mettendo il pan di spagna in pirottini individuali.
Bagnate il pan di spagna con l'Alkermes e lasciate riposare.
In una pentola versate il latte con metà della panna liquida a disposizione e preparate il budino al cioccolato, quando sarà pronto versatelo lentamente sul pan di spagna. Lasciar raffreddare.
Quando il budino al cioccolato sarà rassodato procedete con la preparazione del budino alla vaniglia, quindi quando sarà pronto versate delicatamente sul dolce preparato, lasciate raffreddare e riponete poi in frigorifero.
Prima di servire guarnite con scaglie di cioccolato o cioccolato fuso.








LE RICETTE DI MAGGIO


Focaccia ai pomodori


In questa stagione, con le prime giornate di sole e le passeggiate in campagna ho pensato di proporre delle focacce da gustare sia calde che fredde.

Tempi di preparazione: compresa la lievitazione e la cottura circa 1 ora e trenta minuti


Dosi per 4 persone:

250 grammi farina bianca

1 panetto lievito di birra

1 bicchiere d’acqua tiepida

Sale q.b.

4 pomodori, tipo “piccadilly” o quelli saporiti a grappolo

Olio d’oliva

Origano


Impastare la farina in una ciotola, avendo cura di lasciarne mezzo bicchiere a parte, con l’acqua tiepida dove avete sciolto precedentemente il lievito di birra. Aggiustare di sale e lavorare la pasta fin quando non presenterà più grumi e sarà liscia ed elastica al tatto.

Lasciare riposare coperta da un telo di cotone per circa mezz’ora.

Con un mattarello spianate la pasta utilizzando la farina rimasta, lavorate ulteriormente la focaccia con le dita e posatela su una teglia coperta da carta da forno. Utilizzando una forchetta bucate la pasta, tagliate i pomodori e sistemate le fette sulla pasta, salate, aggiungete un pizzico d’origano e infornate per circa venti minuti nel forno ventilato a 180 gradi.


Focaccia alla scarola


Tempi di preparazione: compresa la lievitazione e la cottura circa 1 ora e trenta minuti


Dosi per 4 persone:

250 grammi farina bianca

1 panetto lievito di birra

1 bicchiere d’acqua tiepida

Sale q.b.

Olio d’oliva

Origano

2 cespi di scarola

Capperi


Usate lo stesso procedimento per la focaccia ai pomodori. Mentre la pasta lievita mondate e lavate la scarola, tagliatela a pezzetti e mettetela a cuocere in una padella antiaderente. Quando la scarola inizierà ad asciugarsi aggiungete un pochino d’olio d’oliva e i capperi, salate e lasciate cuocere  ancora per cinque minuti.

Quando l’impasto è pronto, sulla teglia aggiungete la scarola, ancora un filo d’olio e mettete a cuocere nel forno ventilato a 180 gradi per venti minuti circa.

Queste focacce sono ottime sia servite calde che fredde.


Crumble di mele e fragole


Ecco un dolce da forno, facile facile.

Tempi di preparazione: quarantacinque minuti compresa la cottura in forno


Dosi per 4 persone:

4/5 mele

Due cestini di fragole

1 limone

3 cucchiai di zucchero di canna

200 grammi di biscotti secchi

5/6 amaretti

100 grammi di burro o margarina

Una tazzina di farina bianca


Sbucciate le mele, lavate le fragole e tagliate il tutto a spicchi. Ponete la frutta in una pirofila e aggiungete il succo di limone e due cucchiai di zucchero di canna, avendo cura di mescolare bene. Sbriciolate i biscotti e versateli sulla frutta, coprendola bene. Aggiungete il burro a fiocchetti, ancora una spolveratina di zucchero di canna e infornate nel forno ventilato a 150 gradi per trenta minuti circa. Per gli ultimi due minuti di cottura usate il forno modalità grill che dorerà la crosticina dei biscotti.


È un dolce fresco, ottimo servito sia tiepido che freddo.







LE RICETTE DI APRILE


Con l’arrivo della primavera inizia la stagione degli asparagi, ottimi sia con i primi piatti, i risotti, per le salse o semplicemente accompagnati dalle più tradizionali uova al padellino.

Sui banchi della verdura possiamo ancora trovare le taccole, i carciofi romani, quelli tondi e senza spine, la “barba dei frati” o agretti e tante altre verdure che sono indicate per le loro proprietà detossinanti, diuretiche e depurative.


Alcuni di questi piatti sono l’ideale per un menù pasquale vario e ricco di sapori.


Antipasto


Tortino di carciofi


È una “frittata” ricca e veloce.

Tempi di preparazione: trenta minuti circa compresa la cottura


Dosi per 4 persone:

4 uova

2 carciofi

Un bicchierino di latte

50 grammi di parmigiano grattugiato

50 grammi di ricotta fresca o formaggio fresco a vostro piacimento

Due cucchiai d’olio di semi o noci di burro

Sale q.b.

Pulire e lavare i carciofi con acqua e limone, tagliare a fettine sottili e mettere in padella antiaderente con un filo d’olio o una noce di burro, cuocere velocemente con un pizzico di sale. Nel frattempo sbattere le uova e i formaggi con una frusta, aggiungere il latte e un pizzico di sale, fino ad ottenere una spuma omogenea e senza grumi.

Aggiungere nella padella dei carciofi il composto e far cuocere a fuoco lento per una decina di minuti per parte. Questa frittata è ottima sia servita calda che fredda.


Insalata ricca


Ricetta semplicissima

Tempi di preparazione: 10 minuti


Dosi per 4 persone:

200 grammi di songino

2 pomodori

Un mazzo di ravanelli

4 cucchiaioni di senape delicata

Olio d’oliva

Sale q.b.


Pulire e lavare le verdure, tagliare a fette sottili i pomodori e i ravanelli. Preparare un’emulsione con la senape, olio d’oliva e sale, mescolare velocemente fino a quando la senape è più liquida e condire il tutto, avendo cura di mescolare bene, aggiustare di sale e servire. Questa insalata può essere preparata anche in anticipo avendo l’accortezza di non usare il sale e aggiungerlo solo poco prima di servire.


Tortino di patate e taccole


Tempi di preparazione: circa quarantacinque minuti


Dosi per 4 persone:

4 patate

200 grammi di taccole

100 grammi di parmigiano grattugiato

Mezzo litro di latte

Una noce di burro

Olio d’oliva

Due cucchiai di pan grattato

Sale q.b.


Sbucciare le patate, tagliarle a pezzi e cuocerle in abbondante acqua salata. Nel frattempo pulire le taccole, tagliarle a pezzettini e cuocerle con un filo d’olio in una padella antiaderente chiusa da un coperchio.

Mentre le taccole cuociono preparare una purea passando le patate in uno schiacciapatate, aggiungendo il latte e una noce di burro.

Quando le taccole sono pronte unirle alla purea e versare il formaggio (lasciandone due cucchiai circa). Mescolare bene.

Ungere con il burro una terrina da forno, cospargere di pan grattato e versare la purea di patate e taccole. Spolverare con il formaggio restante e cuocere in forno ventilato a 150 gradi per venti minuti.

Questo piatto può essere preparato in anticipo e riscaldato per pochi minuti prima di servire.


Primi piatti


Pappardelle primavera


Pappardelle gustose con i profumi della primavera.

Tempi di preparazione: circa quaranta minuti


Dosi per 4 persone:

500 grammi di pappardelle all’uovo fresche o confezionate

Una decina di asparagi

Una bustina di zafferano

Un formaggio morbido tipo “Philadelfia”

Una tazzina di panna liquida fresca

Olio d’oliva

Sale q.b.

Pulire, lavare e lessare gli asparagi in abbondante acqua salata. Quando sono pronti tagliarli a pezzetti avendo cura di lasciare intatte le punte.

In una padella anti adente preparare il sugo passando gli asparagi in un filo d’olio d’oliva, aggiungere il formaggio e la bustina di zafferano, mescolare bene aggiungendo la panna per amalgamare bene il tutto, aggiustare di sale. Cuocere le pappardelle, a un minuto dal termine della cottura scolare, versare nella padella del sugo e mantecare bene raggiungendo il grado esatto di cottura. Aggiustare di sale e servire anche senza parmigiano per esaltarne i sapori così delicati.


Garganelli con zucchine, fiori e piselli


Un primo facilissimo e decisamente gustoso.

Tempi di preparazione: 30 minuti circa


Dosi per 4 persone:

400 grammi di garganelli all’uovo

Una scatola di piselli

Due zucchine piccole, e se le trovate sono perfette quelli minuscole che si trovano attaccate ai fiori di zucca

4 fiori di zucca

Due cucchiai di concentrato di pomodoro

Una tazzina di panna

Olio d’oliva

Sale q.b.

Pulire e lavare le zucchine mentre si scalda l’acqua salata per la pasta. In una padella antiaderente scaldare un po’ di olio, versare i piselli scolati e le zucchine e far cuocere per circa dieci minuti. Versare il concentrato di pomodoro, la panna e aggiustare di sale. Quando il sugo si sarà rappreso aggiungere i fiori e far cuocere per breve tempo. A un minuto della perfetta cottura dei garganelli scolarli, versarli nella padella e mantecarli bene nel sugo. Servire ben caldi.


Secondo piatto


Asparagi in salsa ricca


Un piatto completo, gustoso e facile da preparare.

Tempi di preparazione: 30 minuti circa


Dosi per 4 persone:

Un mazzo di asparagi (contarne almeno 6/8 a testa)

Un vasetto di maionese

Due uova sode

Capperi sott’aceto

Sale q.b.

Pulire, lavare e lessare gli asparagi in abbondante acqua salata. Nel frattempo preparare la salsa versando in una terrina quattro cucchiai abbondanti di maionese, le uova sode sminuzzate e i capperi tritati grossolanamente. Mescolare bene.

Quando gli asparagi sono pronti scolarli e adagiarli su un piatto, dopo aver eliminato tutta l’acqua di cottura. Servire con la salsa accanto.


Dolce


Semifreddo all’amaretto


Anche questo dolce è molto semplice, va preparato in anticipo (almeno due ore) perché deve raffreddarsi in freezer.

Tempi di preparazione: dieci minuti più due ore in freezer prima di servire


Dosi per 4 persone:

500 grammi di mascarpone

Amaretti secchi da sbriciolare

Gocce di cioccolato

Un bicchierino di liquore all’amaretto

Zucchero

Per questo dolce è necessario avere i pirottini usa e getta tipo “cuki”

In una ciotola sbriciolare finemente gli amaretti sul mascarpone e le gocce di cioccolato, mescolare bene aggiungendo lentamente il liquore, aggiungere lo zucchero fin quando il composto non sarà di vostro gradimento.

Nei pirottini versare qualche goccia di cioccolato e poi il composto aiutandovi con un cucchiaio. Lasciare riposare in freezer per circa due ore avendo cura di toglierli circa dieci minuti prima di servirli a tavola. Guarnire con cioccolato fuso o in alternativa quello per gelati e dessert.








LE RICETTE DI MARZO


Carciofi trifolati e gratinati


I carciofi trifolati sono facili da preparare e possono essere serviti da contorno, antipasto e come condimento alla pasta.

In questa variante li ho serviti da antipasto.

Tempi di preparazione: 30 minuti circa


Dosi per 4 persone:

4 carciofi piuttosto grandi

1 limone

1 spicchio d’aglio

Una noce di burro

Una mozzarella

Olio d’oliva

Sale q.b

Togliere le foglie più dure ai carciofi e metterli a lavare in acqua leggermente tiepida con il succo di limone, tagliare poi le punte a metà altezza, dividere i carciofi a metà e suddividerli in piccoli spicchi.

Nella pentola a pressione mettere un pochino d’olio d’oliva, far soffriggere leggermente l’aglio per poi toglierlo prima di aggiungere i carciofi, aggiungere mezza tazzina da caffè di acqua, salare e chiudere la pentola a pressione. Lasciare cuocere per circa cinque minuti, appena sentirete il vapore che esce dalla valvola spegnere il fuoco. Preparare delle mini pirofile, imburrarle e mettere i carciofi precedentemente cotti, tagliare grossolanamente la mozzarella e versarla sopra allo strato di carciofi, aggiustare di sale e mettere in forno a 150 gradi per circa dieci minuti. Servire ben caldi, volendo aggiungendo una spolverata di prezzemolo tritato.


Miniquiches ai peperoni e catalogna


Ecco un altro antipasto veloce e sfizioso.

Tempi di preparazione: 30 minuti circa


Dosi per 4 persone:

Una pallina di catalogna o costine precedentemente lessate

1 peperone arrostito

1 confezione di panna fresca da cucina

2 uova

50 grammi di parmigiano grattugiato

Olio di semi

Sale q.b.

Dodici mini pirottini


Tagliare la catalogna e passarla con un filo d’olio in padella. Triturare grossolanamente con un coltello il peperone.

In una ciotola frullare la panna, le uova con un po’ di formaggio e aggiustare di sale. Prendere i mini pirottini e ungerli velocemente con l’olio di semi, con un cucchiaio mettere il composto, e un cucchiaino di verdura, aggiungete ancora il composto facendo attenzione a non arrivare troppo vicino ai bordi perché con la cottura il composto gonfia e rischia di fuoriuscire.

Sulle miniquiches di catalogna spolverare il parmigiano e quelle ai peperoni guarnire con un pezzetto di peperone.
Infornare a 180 gradi per circa dieci minuti. Servire.







LE RICETTE DI FEBBRAIO


Frittelle di Carnevale


Queste frittelle sono semplicissime da fare e decisamente veloci, sono frittelle di mele, mele e uvetta e mele e cioccolato. La base è uguale per tutte, cambiano con l’aggiunta di un ingrediente.

Tempi di preparazione: circa trenta minuti


Dosi per 4 persone:

Tre bicchieri di farina bianca

2 uova

3 mele

1 limone non trattato

Una tazzina di latte

Uvetta

Gocce di cioccolato

Un pizzico di sale

Zucchero e zucchero a velo

Olio per friggere

Frittelle di mele

In una ciotola versare la farina bianca, uova, latte e un dito di acqua minerale gasata. Mescolate bene il tutto, aggiungete un pizzico di sale, lo zucchero e grattugiate un po’ di buccia di limone. Lavare, sbucciare e tagliare le mele a dadini piuttosto piccoli, versare nella ciotola e mescolare fin quando il composto risulterà cremoso. Dividere il composto in tre ciotole per le altre frittelle.

Quando l’olio sarà ben caldo iniziate a friggere usando un cucchiaino per fare le dosi. Le frittelle non devono essere troppo grandi perché più lunghe da friggere e rischiano di bruciare. Scolare e asciugare con carta.


Frittelle di mele e uvetta

In un bicchiere mettere l’uvetta con un pochino di succo di limone e acqua. Scolare e asciugare con un panno. Aggiungere l’uvetta al composto con le mele. Friggere come le frittelle precedenti.

 

Frittelle mele e cioccolato

Nella terza ciotola aggiungere gocce di cioccolato al composto con le mele. Queste frittelle è consigliabile friggerle per ultime in quanto il cioccolato rende l’olio nero e si rischia di bruciare le frittelle.


Spolverare tutte le frittelle con zucchero a velo e servire.






LE RICETTE DI GENNAIO


Crema di carote


Ricetta estremamente facile.

Tempi di preparazione: 45 minuti circa


Dosi per 4 persone:

6 carote piuttosto grandi
1 patata
Un dito d’olio d’oliva
1 foglia d’alloro (facoltativa)
Sale q.b.

Questa è una facilissima e nutriente crema a base di carote: ottima servita calda in inverno, ma deliziosa anche fredda nel periodo estivo.

Preparazione: pulire e tagliare in pezzi piuttosto grossi le carote, metterli a cuocere in acqua salata con la foglia d’alloro (facoltativo), nel frattempo mettere a bollire la patata in un’altra pentola, questo perché le carote mantengano integro il loro sapore.
Quando le verdure sono cotte scolarle. Preparare in una pentola un filo d’olio e mettere tutte le verdure spezzettate e dorarle leggermente, aggiungere un bicchiere d’acqua abbondante e frullare il tutto. La zuppa deve risultare cremosa, densa e ben frullata. Aggiustate di sale e aggiungete ancora acqua se vi sembra troppo densa. Portare a bollore e servire ben calda con un filo d’olio d’oliva


Polenta pasticciata


Avete avanzi di formaggi diversi che languono nel frigorifero?
Questa è la ricetta che fa per voi!
Facilissima, si prepara in circa 35 minuti con la polenta già pronta, più di un’ora invece se dovete prepararla

Dosi per 4 persone:

1 confezione di polenta istantanea, o se avete fretta potete acquistare in supermercato una confezione di polenta pronta sottovuoto
Formaggi avanzati
1 mozzarella
100 grammi di gorgonzola
100 grammi di formaggio grattugiato
25 grammi di burro
Sale q.b.


Preparate la polenta e mettetela a freddare, o se avete acquistato quella pronta tagliare a fette non troppo sottili. In una terrina da forno mettere due/tre fiocchi di burro e un primo strato di polenta, i tocchetti di formaggi misti e alcune fette di mozzarella, aggiungere ancora due fiocchi di burro e aggiungere un altro strato di fette di polenta con i formaggi e ricoprire il tutto con abbondante formaggio grattugiato. Si possono fare due o tre strati di polenta e formaggio, a seconda della grandezza della terrina.
Cuocere per venti minuti circa in forno ventilato a 150 gradi e per gli ultimi cinque minuti passare il forno a 200 gradi, modalità grill, per formare una croccante e gustosa crosticina. Servite.


Insalata invernale


Per chi ama l’insalata non solo d’estate!

Tempi di preparazione: 15 minuti


Dosi per 4 persone:

Una manciata abbondante di insalatina invernale chiamata dialettalmente “trusset”
Una manciata di songino
1 radicchio rosso piccolo
1 mazzo di ravanelli
3 carciofi
1 limone
200 grammi di parmigiano reggiano da tagliare a scaglie
Olio d’oliva
Sale q.b.

Pulire i carciofi dalle foglie esterne, tagliarne le punte e metterli in acqua tiepida con il succo di mezzo limone.
Lavare l’insalata, asciugarla, tagliarla e versarla in una ciotola. Aggiungere i ravanelli e i carciofi tagliati in fette sottilissime.
Condire bene con un’emulsione di olio, limone e sale. Quando l’insalata è ben condita aggiungere le scaglie di parmigiano e servire.






SPECIALE NATALE


Un semplice menù ricco di profumi e sapori, leggero, ma gustoso.

Per Natale propongo alcuni piatti con verdure tipiche di stagione… e come sempre semplici da cucinare!



Cestini di parmigiano con insalatina di carciofi


È una ricetta piuttosto veloce, in circa mezz’ora è possibile preparare 4/6 cestini.


Dosi per 4 persone:

150 grammi di parmigiano grattugiato

3 carciofi

Un limone

Olio d’oliva e sale q.b


Materiale occorrente: una padellina antiaderente e una ciotolina (pirottina monodose)


Versare nella padellina circa 25 grammi di parmigiano, e sciogliere a fuoco lento. In pochi minuti il parmigiano si dorerà e si compatterà, quando è pronto (deve assumere un bel colore dorato e non ci devono essere bolle) staccare delicatamente il formaggio dalla padellina e ricoprire la pirottina capovolta. Lasciare freddare qualche minuto prima di capovolgere il formaggio che avrà assunto così la forma di un cestino. Ripetere l’operazione per ogni cestino.


Pulire e lavare i carciofi in acqua e mezzo limone, tagliate a metà e poi a fettine sottilissime. Condire i carciofi in una ciotola con emulsione di olio d’oliva, il succo di mezzo limone e sale.

Quando tutti i cestini sono pronti riempirli d’insalatina di carciofi e guarnire con una cialda di parmigiano preparata come i cestini e lasciata raffreddare su una teglia ricoperta di carta da forno. Servire.


Insalata di cavolo rosso e noci


Questa semplice insalata è ancora più gustosa se preparata il giorno precedente così il cavolo si ammorbidisce e rilascia ulteriormente il sapore.

Tempi di preparazione: mezz’ora circa


Dosi per 4 persone:

Mezzo cavolo rosso

Una ventina di noci sgusciate

Olio d’oliva, aceto di vino bianco

Sale q.b.


Lavare il cavolo in acqua leggermente tiepida.

Tagliare a strisce sottilissime il cavolo avendo cura di togliere il “torsolo” più duro.

Condire con olio e aceto e lasciare riposare. Prima di servire a tavola aggiungere le noci.


Cestini di squaqquerone e costine


Altra ricetta facilissima e veloce.

Tempi di preparazione: circa mezz’ora compresa la cottura


Dosi per 4 persone:

Un rotolo di pasta sfoglia

Una pallina di costine bollite

125 grammi di squaqquerone

Sale q.b.


Dividere la pasta sfoglia in quattro pirottine avendo cura di tagliar via i bordi che fuoriescono. In una ciotola mettere le costine strizzate, salate e tagliate finemente con lo squaqquerone. Mescolare delicatamente fino a quando il composto sarà omogeneo.

Mettere il composto nelle pirottine e cuocere in forno ventilato a 180 gradi per circa venti minuti. Servire.


Salsa di peperoni


Questa salsa potete iniziare a prepararla il giorno precedente, è molto semplice solo un pochino lunga la cottura, ma ci pensa il forno!

Tempi di preparazione: compresa la cottura, circa un'ora


Dosi per 4 persone:

3 peperoni gialli

Olio d’oliva

Sale q.b.


Lavare i peperoni, asciugarli e metterli su una teglia coperta da carta forno, farli cuocere per circa 45 minuti in forno ventilato  a 150 gradi,  avendo cura di girarli ogni tanto. Quando sono abbrustoliti lasciarli freddare e togliere pelle e semi. Tagliare alcune striscioline per guarnizione e il resto frullarlo con un dito d’olio d’oliva e sale q.b.

Servire accanto ai cestini di squaqquerone.


"Tajarin" ai carciofi


Primo piatto gustoso e facilissimo da fare utilizzando per sveltire i tempi la pentola a pressione.

Tempi di preparazione compresa la cottura: circa 30 minuti

Dosi per 4 persone:

4 carciofi

1 limone

500 grammi di tajarin freschi

Una noce abbondante di burro

Olio d’oliva e sale q.b.


Pulire e lavare i carciofi in acqua e succo di limone. Tagliare poi i carciofi a metà e poi ancora a fettine sottili. Preparare un dito d’olio d’oliva nella pentola a pressione, senza aglio né cipolla per esaltare il sapore dei carciofi, mettere i carciofi e farli soffriggere leggermente,salare, aggiungere una tazzina d’acqua e chiudere la pentola. Nel frattempo preparare l’acqua salata per la pasta. I carciofi saranno pronti in circa dieci minuti, quando la pentola avrà rilasciato tutto il vapore aprire e controllare se c’è abbastanza sugo, se vi pare troppo asciutto aggiungere un po’ d’acqua di cottura della pasta. Scolare i tajarin quando sono pronti, versarli nella pentola e metterli a mantecare con una noce di burro.

Servire in una zuppiera calda e aggiungere, per chi le ama, scaglie di parmigiano.


In alternativa ai carciofi si può preparare un sugo ai funghi


Tempo di preparazione: circa 45 minuti


Dosi per 4 persone:

Una busta di funghi surgelati

500 grammi di tajarin

Uno spicchio d’aglio

Una tazza di brodo vegetale

Un mazzetto di prezzemolo

Una noce di burro

Olio d’oliva e sale q.b.


In una padella antiaderente far imbiondire l’aglio e toglierlo prima di aggiungere i funghi, lasciare cuocere a fuoco lento aggiungendo il brodo vegetale quando il sugo tende ad asciugare. Nel frattempo preparare la pasta. Scolare direttamente la pasta nella padella del sugo, mantecare con il burro e prima di servire aggiungere il prezzemolo tritato per profumare ulteriormente il tutto. Servire.



Crema al wiskey


Una soffice crema velocissima da preparare che ben accompagna il pandoro o il panettone.

Tempi di preparazione: 15 minuti circa


Dosi per 4 persone:

125 dl di panna fresca

Un cucchiaio di zucchero a velo per montare la panna e due cucchiai per guarnire

Un dito di wiskey

Un dito di crema di wiskey


Montare la panna con lo zucchero a velo, aggiungere prima il wiskey poi la crema e mescolare delicatamente fin quando tutta la panna avrà assunto un bel colore dorato.

Servire accanto ad ogni fetta di pandoro o panettone, spolverizzare con il restante zucchero a velo.







LE RICETTE DI DICEMBRE


Zuppa di verza e patate


Ricetta facile.

Tempi di preparazione: compresa cottura circa 40 minuti con la pentola a pressione


Dosi per 4 persone:

Una carota

Due coste di sedano

Un porro

Mezza verza grande o una piccola

Quattro patate

Due cucchiai d’olio d’oliva

Sale q.b.

Lavare tutte le verdure e sbucciare le patate. Fare cuocere in poca acqua le patate tagliate grossolanamente. Mentre le patate cuociono tagliare la carota, il sedano e il porro e farle soffriggerle leggermente nella pentola a pressione con un cucchiaio d'olio. Dopo qualche minuto aggiungere la verza tagliata finemente. Aggiungere quattro bicchieri d'acqua, salare e cuocere nella pentola a pressione per venti minuti circa. Quando le patate sono cotte spegnere la pentola a pressione e aspettare ad aprire finché non sarà uscito tutto il vapore. Quando si può aprire la pentola aggiungere le patate e frullare grossolanamente. Aggiustare di sale e servire con un filo d'olio d'oliva.


Insalata di finocchi alla siciliana


Ricetta facilissima.

Tempi di preparazione: dieci minuti circa


Dosi per 4 persone:

Due finocchi

Due arance

Un limone

Olio d’oliva per condire

Sale q.b.


Lavare i finocchi e tagliarli a fette sottilissime. Preparare in una ciotola il succo di un arancia, mezzo limone, olio e sale ed emulsionare sbattendo velocemente con una forchetta. Condire i finocchi mescolando bene, aggiungere l’altra arancia tagliata a fettine, aggiustare di sale e… servire.


Tortini di stracchino


Ricetta facilissima.

Tempi di preparazione: venti minuti più venti minuti di cottura in forno


Dosi per 2 persone:

Due bicchieri colmi di farina bianca

Uno stracchino di 100 grammi

Un uovo

Una noce di burro

Sale q.b. e un cucchiaio d’olio


Preparare una velocissima pasta usando la farina bianca, avendo cura di lasciarne due dita a parte per facilitarne la stesura, un pochino d'acqua tiepida, l'olio e il sale.
Impastare due palline di dimensione uguale e stenderle poi con il mattarello. Imburrare due pirottini, e stendere la pasta all'interno avendo cura di tagliar via i bordi che fuoriescono. Frullare lo stracchino con l'uovo e un pizzico di sale, riempire i pirottini con il composto e ricoprirli con l'altro panetto di pasta stesa. Infornare nel forno a 180 gradi per venti minuti circa.
Servire ben caldi.






LE RICETTE DI NOVEMBRE


Risotto al radicchio con fonduta di toma


Ricetta piuttosto facile.

Tempi di preparazione: quarantacinque minuti circa


Dosi per 4 persone:

350 gr di riso

1 cespo di radicchio trevigiano

Mezzo scalogno

Due tazze di brodo vegetale

Olio d’oliva, sale q.b

Un bicchiere di latte

200 grammi di toma non troppo stagionata

Tagliare a strisce sottili il radicchio e tritare finemente lo scalogno. Mettere in una padella antiaderente con olio d’oliva e cuocere a fuoco lento, quando il radicchio è imbiondito versare il riso, mescolare e coprire di brodo.

Mentre il riso cuoce iniziare a preparare la fonduta di toma: tagliare a pezzetti il formaggio, versarli in una pentola con il latte e cuocere a fuoco lento. Ogni tanto controllare il riso, aggiustare di sale e aggiungere il brodo. Quando il riso è pronto impiattarlo sulla base di fonduta di toma e guarnire con foglie di radicchio.


Torta al cioccolato e arancia


Ricetta di media difficoltà di preparazione, solo un po’ lunghi i tempi di realizzazione.

Tempi di preparazione: un ora e trenta minuti circa


Dosi per 4 persone:

300 gr di zucchero
4 uova
125 gr di burro
200 gr di farina
40 gr di fecola di patate

Un cucchiaino di lievito

100 gr di cioccolato fondente

2 arance non trattate

2, 3 cucchiai di Grand Marnier o in alternativa Gin


Lavare bene due arance, con uno spazzolino per togliere tutti i residui, e di una usare la buccia grattugiata.

Lavorare con una frusta i tuorli d’uovo con lo zucchero e aggiungere quattro cucchiaini di succo d’arancia fino ad ottenere un composto soffice e spumoso.
A parte, sciogliere il burro a fuoco lento e lasciarlo raffreddare, poi aggiungerlo al composto di uova e zucchero.

Sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente, o se avete poco tempo sciogliere in un pentolino con un pochino d’acqua a fuoco lento.
Unire la farina, la fecola, il cioccolato, il lievito e la buccia di una arancia grattugiata e alcune scorzette di arancia tagliate sottilissime.

Montare a neve fermissima gli albumi con un cucchiaino di zucchero e inglobarli all’impasto.
Versare nello stampo imburrato e infarinato e cuocere per un’ora nel forno già caldo a 180° C.
Sfornare e lasciar raffreddare.

In alternativa si possono fare tante mini tortine utilizzando gli stampi per plumcake.

Servire con la salsa d’arancia.

Per la salsa d’arancia:

Filtrare la spremuta d'arancia, mettere  in una casseruolina, unire  lo zucchero e un cucchiaio di farina. Cuocere il tutto a fuoco moderato per 4-5 minuti, quindi togliere dal fuoco, aggiungere il liquore e lasciar raffreddare.





LE RICETTE DI OTTOBRE


Pasta integrale alla crema di broccoli


Ricetta di facile preparazione.

Tempi di preparazione: circa mezz’ora


Dosi per 4 persone:

Due o tre broccoli

Mezzo bicchiere di salsa di pomodoro

Mezzo chilogrammo di penne integrali

Olio d’oliva e sale q.b.


Lessare i broccoli in acqua salata e quando sono pronti frullarli insieme alla salsa di pomodoro fino a raggiungere una crema, aggiustare di sale.

Mentre cuoce la pasta preparare una padella con un po’ di olio d’oliva, un peperoncino (se lo gradite) e versare la crema.

Quando la pasta sarà pronta versare nella padella e mescolare bene.


Seitan all’inglese


Ricetta di facilissima preparazione.

Tempi di preparazione: quindici minuti circa


Dosi per 4 persone:

Quattro medaglioni di seitan fresco (in vendita nei negozi di prodotti biologici, lo si può anche trovare nei reparti biologici dei supermercati)

Due cucchiai di aceto balsamico, meglio ancora se cremoso

Olio di semi, sale q.b.


Far cuocere il seitan in un cucchiaio di olio di semi, a metà cottura versare l’aceto balsamico e girare più volte i medaglioni fino a quando non saranno cotti.

Questi medaglioni sono gradevoli accompagnati da purea, finocchi gratinati e, come in questo caso, da cipolle caramellate.


Questa ricetta si accompagna bene con la seguente.


Cipolle caramellate


Ricetta di facilissima preparazione.

Tempi di preparazione: trenta minuti circa


Dosi per 4 persone:

Quattro cipolle bianche piuttosto grandi

Un cucchiaio di olio di oliva

Sale q.b.

Un cucchiaio di zucchero

Lavare e tagliare le cipolle a fette non sottilissime, mettere a scaldare a fuoco lento l’olio in una padella antiaderente e versare. Quando le cipolle avranno perso un po’ dell’acqua, salare e versare lo zucchero spolverando bene le cipolle. Far cuocere a fuoco lento per circa venti minuti avendo cura di mescolare ripetutamente.


Questa ricetta può servire anche come salsa d’accompagnamento a formaggi stagionati, è necessario unicamente frullare le cipolle, farle cuocere ancora una decina di minuti fino a raggiungere una “marmellata” cremosa e… salata.






LE RICETTE DI SETTEMBRE


Belga grigliata con scamorza


Questa è una ricetta molto semplice e veloce.

Tempi di preparazione: circa trenta minuti


Dosi per 4 persone:

Tre o quattro cespi di insalata belga

Una scamorza di almeno 200 gr.

tre cucchiai d’olio d’oliva, sale ed origano



Lavare e tagliare a striscioline spesse un dito l’insalata e mettere a cuocere in una padella antiaderente a fiamma vivace. Girare più volte la belga, salare ed oliare leggermente. Quando la verdura è cotta disporla in un piatto di portata. Mettere a cuocere la scamorza tagliata a fette nella stessa padella, quando il formaggio inizia a fondere togliere dal fuoco e versare sulla verdura. Spolverare il tutto con un pochino di origano, servite.


Pomodori verdi fritti


…ricetta che ricorda un piacevolissimo film.

Tempi di preparazione: circa trenta minuti


Dosi per 4 persone:

Due  pomodori verdi piuttosto grandi

100 gr farina tipo 00

100 gr farina di mais

Un uovo

Olio per frittura

Sale q.b.


Lavare e tagliare a fette i pomodori. Infarinare le fette nella farina bianca poi passare nell’uovo sbattuto in una ciotolina a infine ripassare le fette nella farina di mais.

Cuocere in abbondante olio bollente. Quando le fette di pomodoro sono ben dorate scolare,  salare e servire ben calde.






LE RICETTE DI AGOSTO


Pasta alla Norma


Questa è una famosa ricetta siciliana, molto semplice e gustosa.

Tempi di preparazione: circa trenta minuti


Dosi per 4 persone:

200gr di salsa di pomodoro

Una melanzana piccola

Pasta di medio formato (es: mezze maniche, penne ecc)

Aglio, foglie di basilico e menta


In una padella mettere due cucchiai d’olio d’oliva, uno spicchio d’aglio, la salsa di pomodoro e le foglie di basilico.

Mentre il sugo cuoce tagliare a fette sottili la melanzana e friggerle con le foglie di menta (usarne una per ogni frittura per evitare il gusto amarognolo). Scolare le melanzane e salare.

Quando la pasta è pronta condirla bene con il sugo e in un secondo momento aggiungere le melanzane.

A piacere si può aggiungere ricotta salata al posto del parmigiano.


Hummus


Questa ricetta è un ottimo antipasto/pinzimonio che mi ha fatto assaggiare un'amica, Sabrina; è fresco e gustoso.

Tempi di preparazione: venti minuti circa


Dosi per 4 persone:

450 gr di ceci cotti (vanno bene anche quelli in scatola)

100 gr di tahin (è una crema di semi di sesamo pestati, si trova in commercio nei negozi biologici; ce ne sono due tipi, chiaro o scuro, vanno bene entrambi)

Due o tre  limoni spremuti, a seconda dei gusti

Olio di oliva, sale e un po' di cumino a piacere


Mettere tutti gli ingredienti in una ciotola e frullare tutto fino ad ottenere una crema omogenea.

Si accompagna bene con verdure fresche crude: pomodori, peperoni, sedano, ravanelli, carote, cetrioli, finocchi… o crostini di pane.


Torta di pesche e cioccolato


Questa è la “rivisitazione” di una famosa ricetta piemontese, ossia le pesche al cioccolato e amaretto.

Tempi di preparazione: un'ora circa compresa la cottura


Dosi per 4 persone:

Un rotolo di pasta sfoglia

Tre pesche sode

100 gr di burro

200 grammi di cioccolato fondente

Una decina di amaretti


In una teglia rotonda stendere la pasta sfoglia avendo cura di lasciare piuttosto alti i bordi, lavare le pesche e tagliare a fette sottili.

Disporre sulla pasta sfoglia le pesche.

In una ciotola mettere il cioccolato fondente spezzettato, il burro, qualche pezzo di pesca avanzato, gli amaretti e frullare il tutto (io uso frullatore con lama d’acciaio), risulterà un composto morbido e granuloso. Versare il composto sulle pesche, avendo cura di coprire il tutto ed infornare nel forno caldo a 180 gradi per circa trenta minuti.

Questa torta può essere servita tiepida o fredda.






LE RICETTE DI LUGLIO


Insalata di pasta


In estate è piacevole mangiare cibi freschi e leggeri, l’insalata di pasta è un piatto gradevole che può essere servito come piatto unico.

Ecco la mia ricetta molto “colorata”.

Tempi di preparazione: venti minuti circa


Dosi per 4 persone:

Mezzo kg di pasta tipo pipe rigate o mezze penne

Due hg di  mozzarella fiordilatte

Una manciata di olive taggiasche

Una decina di  pomodorini a grappolo

1 hg di parmigiano grattugiato

Pesto

Alcune foglie di basilico


Far cuocere la pasta lasciandola al dente, nel frattempo mettere in una ciotola il pesto e preparare da parte i pomodorino tagliati a pezzetti, la mozzarella e il basilico. Salare e lasciare a riposare.

Scolare la pasta avendo cura di raffreddarla sotto acqua corrente, condire con il pesto nella ciotola e aggiungere i pomodori e la mozzarella, aggiungere le olive e il formaggio grattugiato. Mescolare bene e avere cura di aggiungere un pochino d’olio prima di servire.


Pomodori ripieni


Tempi di preparazione: venti minuti circa


Dosi per 4 persone:

quattro pomodori tondi e sodi

200 grammi di insalata russa

Quattro uova sode

Senape

Qualche cappero per guarnire


Lavare e tagliare i pomodori a metà, capovolgere per far eliminare l’acqua in eccesso. Preparare re l’insalata russa, i tuorli d’uovo sodo e un pochino di senape e frullare il tutto. Se il composto vi sembra poco morbido aggiungere la senape se vi piace il gusto un pochino piccante o la maionese.

Quando il composto è pronto, deve essere cremoso, riempire i pomodori e guarnirli con i capperi. Con lo stesso impasto riempire l’albume dell’uovo sodo così con una unica ricetta avrete preparato due piatti freddi sfiziosi.

Ottimi accompagnati con vino bianco freddo.


Semifreddo alle ciliegie


Un dolce fresco e velocissimo.

Tempi di preparazione: dieci minuti circa


Dosi per 4 persone:

300 grammi di gelato al limone

100 grammi di gelato fiordilatte

Mezzo bicchiere di latte

Due manciate di ciliegie tipo duroni

Se volete servire questo dolce a più persone considerate il rapporto di gelato due a uno, ossia per un kg di gelato 650 grammi di limone e 350 di fiordilatte e così via


Frullare il gelato aggiungendo il latte per renderlo più cremoso, lavare i duroni e tagliarli a pezzetti.

Mettere in bicchieri monodose il sorbetto e aggiungere le ciliegie.

Questo semifreddo è anche ottimo con i frutti di bosco e le pesche.





LE RICETTE DI GIUGNO


Con l’arrivo della stagione più calda aumenta il desiderio di piatti freschi, invitanti e…veloci da cucinare!


Zucchine ripiene


La zucchina è la verdura d’eccellenza di questa stagione e può essere cucinata in svariati modi, per questa ricetta è ottima la zucchina tonda, ma anche le altre vanno bene.

Tempi di preparazione: quaranta minuti circa


Dosi per 4 persone:

Quattro zucchine piuttosto grandi

Due uova

150 grammi di formaggio grattugiato

Cento grammi di ricotta fresca

Pan pesto

Olio e sale


Lavare e mettere a sbollentare per circa di dieci  minuti le zucchine intere, controllandole spesso perché devono rimanere sode e nel frattempo preparare il ripieno amalgamando in una ciotola le due uova, il formaggio, un po’ di sale e pan pesto formando così un impasto morbido e non troppo liquido. Scolare le zucchine, tagliare a metà per lungo, togliere la polpa e riempirle di ripieno, spolverarle di formaggio e mettere nel forno per venti minuti circa a 180 gradi, controllate e quando si forma la crosticina dorata del formaggio sono pronte! Sono gustose mangiate sia calde che fredde.

Se avanza del ripieno si possono cucinare gustose mini polpettine avendo cura di aggiungere pan pesto, si fanno delle palline non troppo grandi (tipo olive ascolane) da cuocere in olio bollente,  servire in simpatici cartocci fatti con la carta del pane.


Tris di bruschette


Tempi di preparazione: 1 ora e trenta minuti circa


Quattro peperoni gialli

Una melanzana tonda piuttosto grande

Sei pomodori a grappolo

Una decina di foglie di basilico e di menta

Due cucchiai di capperi

Due cucchiai di salsa di pomodoro

Aglio

Origano

Olio d’oliva e sale

Pane da tagliare a fette compatte (tipo toscano)


Lavare tutte le verdure, mettere i peperoni ad abbrustolire in una padella antiaderente, quando sono cotti togliere la “pelle”, tagliare a striscioline e poi a dadini, metterli a freddare in una ciotola condendoli con i capperi, olio e sale q.b.

Nel frattempo prepariamo la classica bruschetta di pomodori: mettere in una ciotola l’aglio (facoltativo) sbucciato e tagliato a pezzi grossolani, tagliare a cubetti i pomodori, aggiungere il basilico e condire con olio, sale e origano.

La terza bruschetta è con le melanzane; tagliare la melanzana a dadini e mettere nella padella antiaderente come per i peperoni, quando i dadini cambiano colore e diventano morbidi aggiungere  la salsa di pomodoro, le foglie di menta, salare e oliare e lasciare cuocere ancora per circa dieci minuti, quando è pronto versare in una  ciotola e lasciare freddare.

Vanno servite su fette di pane abbrustolite in forno o su pentola di ghisa, ottime come antipasto accompagnate da  vino bianco freddo.


Mousse di yogurth con fragole


Questo dolce, decisamente stagionale, è leggero e fresco, adatto per i primi caldi.

Tempi di preparazione: trenta minuti circa


Dosi per 4 persone:

500 grammi di fragole

Panna fresca da montare 250 ml

Due vasetti di yogurth bianco magro

Zucchero a velo

Zucchero di canna


Lavare le fragole, metterne da parte quattro piuttosto grosse per la guarnizione e mettere a cuocere per circa dieci minuti  le restanti in una padella antiaderente con una spolverata di zucchero di canna.

Nel frattempo montare la panna, precedentemente posta nel freezer per cinque minuti circa, con lo  zucchero a velo; amalgamare delicatamente la panna montata con lo yogurth.

Prendere quattro coppette di vetro piuttosto alte, versare un pochino di fragole, la panna/yogurth e guarnire con una fragola intera.

Mettere in frigo per circa un’ ora prima di servire.





LE RICETTE DI MAGGIO


Fiori di zucca pastellati


È un antipasto facilissimo e alquanto veloce.

Tempi di preparazione: trenta minuti circa


Dosi per 4 persone:

Per la pastella

Due bicchieri di farina bianca

Un uovo

Sale

Acqua minerale gassata

Dodici o più fiori di zucca

Olio di semi o oliva (a seconda dei gusti)


Mettere in una ciotola la farina, un pizzico di sale e l’uovo. Mescolare bene aggiungendo lentamente l’acqua gassata, (il trucco dell’acqua minerale è preso dalla tempura della cucina giapponese), quando non ci sono più le bollicine mescolare bene il composto che vedrete liscio e ben amalgamato.


Lavare delicatamente i fiori di zucca  e mettere a scaldare l’olio.

Immergere i fiori nella pastella, scolarli bene dall’eccesso di pastella e friggere in olio bollente. Rigirate i fiori con delicatezza e  quando sono dorati sono pronti.

Servirli ben caldi.


I fiori possono essere gustati semplicemente così o accompagnati ad una mousse di formaggio

Dose per la mousse:

Duecento grammi  di ricotta fresca

Qualche foglia di menta o basilico

Un pizzico di sale

Frullare semplicemente la ricotta con le foglie e servire accanto ai fiori.


Flan di asparagi


Adoro i flan e questo piatto è decisamente semplice e veloce.

Tempi di preparazione: circa quaranta minuti compresa la cottura


Dosi per 4 persone:

Una confezione da 200ml di panna liquida fresca

Cento grammi di parmigiano grattugiato

Due uova

Un mazzo di asparagi freschi sbollentati (vanno bene anche quelli surgelati se fuori stagione)

Due cucchiai di farina bianca

Una noce di burro

Un pizzico di sale


Prima di iniziare accendere il forno a 150 gradi.

Mettere in una terrina la panna, il formaggio (avendo cura di lasciarne tre cucchiai da parte), un cucchiaio di farina bianca e il pizzico di sale. Mescolate bene e aggiungete gli asparagi leggermente sbollentati e tagliati a rondelle.

Imburrare la teglia, io uso quelle monouso di alluminio perché più facili da togliere senza rompere il flan, ma vanno molto bene anche quelle in silicone, infarinare avendo cura di buttare l’eccesso di farina.

Mettere il composto nella teglia, guarnendo con alcune punte d’asparago e spolverare il tutto con il formaggio rimasto.

Infornare e cuocere per venti/trenta minuti circa, controllando di tanto in tanto.

Togliere dal forno e quando il tortino è tiepido togliere dalla teglia facendo molta attenzione e servire.


Pasta al radicchio rosso

Per questo primo piatto consiglio l’uso della pasta all’uovo.

Tempi di preparazione: venti minuti circa


Dosi per il sugo per quattro persone:

Un cespo di radicchio rosso

Uno scalogno piccolo

Due cucchiai di farina bianca

Mezzo bicchiere di latte o due dita di panna liquida

Due cucchiai d’olio d’oliva

Sale


Tritare lo scalogno e versare in una padella con l’olio e lasciarlo dorare leggermente.

Tagliare a strisce sottilissime il radicchio precedentemente lavato e aggiungerlo in padella, mescolare delicatamente, quando il radicchio perde un po’ della sua acqua cospargere di farina bianca e aggiungere il latte o la panna. Mescolare il tutto, se vedete che si restringe troppo aggiungete acqua di cottura.

Quando la pasta è pronta, versatela nella padella, lasciatela mantecare come fosse un risotto e servite.





LE RICETTE DI APRILE


Insalata di spinacino, grana e aceto balsamico


Questa ricetta è semplicissima, il piatto è gradevole sia come antipasto
sia servito come contorno.

Tempi: non più di venti minuti


Dosi per 4 persone:

200 grammi di spinacino tenero

100 grammi di formaggio grana tagliato a scaglie

Una mela “smith”

Olio, sale e aceto balsamico

Lavare bene lo spinacino, asciugarlo delicatamente e mettere in una ciotola, condire con olio emulsionato ed un pochino di aceto balsamico e salare; aggiungere la mela tagliata sottilissima e le scaglie di formaggio.


Lasagne al radicchio


Questo è un piatto di semplice preparazione, ma un po' lungo per i tempi.

Per velocizzare si può usare la besciamella pronta.

Tempi: circa un’ora


Dosi per 4 persone:

4 cespi di radicchio piuttosto grossi

2 confezioni da 250 grammi di pasta per lasagne fresca

600 grammi di besciamella

Formaggio grattugiato

Sale e olio d’oliva.


Lavare e tagliare a striscioline il radicchio, mettere un po’ d’olio in un tegame e far cuocere il radicchio, a metà cottura aggiungere mezzo bicchiere d’acqua. Salate e il radicchio è pronto quando è morbido e non troppo asciutto.

Sbollentate le lasagne.

Oliate leggermente una teglia da forno, mettete  tre cucchiai di besciamella diluita ed iniziate a  mettere uno strato di pasta, aggiungete il radicchio e la besciamella (sempre diluita) e così via fino a raggiungere un dito dal bordo della teglia.

L’ultimo strato sarà poi cosparso di formaggio grattugiato che con la cottura si dorerà.


Delizia della nonna

Questo dolce l’ho pensato per tutti i golosi del mondo, compresa mia nonna, da lì il nome!
È molto semplice e veloce.

Tempi: trenta minuti circa


Dosi per 4 persone:

Una confezione di panna da montare da 200ml

150 gr. di mascarpone

Un uovo

200 grammi di cioccolato fondente da sciogliere

100 gr. di burro

8 biscotti di “Pasta di meliga”

Zucchero a velo

Scaglie di cioccolato fondente


Mettete la panna nel freezer per circa cinque minuti, nel frattempo amalgamare delicatamente il mascarpone con lo zucchero a velo e il tuorlo dell’uovo in una ciotola.

Montare la panna con un pochino di zucchero lasciando una consistenza morbida e mescolare poi con il composto già preparato. Aggiungere le scaglie di cioccolato.

Fondere il cioccolato con il burro in una pentola antiaderente e se troppo denso aggiungere un po’ di latte.

Prendere delle coppette trasparenti o in alternativa dei bicchieri piuttosto alti, mettere un fondo di cioccolato fondente, aggiungere la crema e guarnire con i biscotti.

Lasciare in frigorifero almeno un ora prima di servire.




LE RICETTE DI MARZO


Porri allo stracchino gratinati

Ricetta di facilissima preparazione.

Tempi: 1 ora circa compresa cottura


Dosi per 4 persone:
4 porri grossi

1 panetto di stracchino da 500 grammi

250 grammi di formaggio grattugiato

Olio e sale q.b.


Togliere il verde dei porri, lavarli e lessarli.

A cottura non ancora ultimata, scolarli e tagliarli a metà.

Mettere in una pirofila precedentemente oliata i porri tagliati a metà, salarli leggermente e coprirli con fette di stracchino, spolverare abbondantemente con formaggio grattugiato.

20-30 minuti di cottura nel forno a 150 gradi.


Carciofi ripieni

Ricetta di facile preparazione.

Tempi: 1 ora circa compresa cottura


Dosi per 4 persone:

4 carciofi

2 uova

100 grammi di formaggio grattugiato

Una fetta di formaggio semistagionato (toma, fontina, caciotta)

50 grammi di panpesto
Mezzo bicchiere di latte

Olio e sale q.b.

Pulire bene i carciofi togliendo le foglie esterne, tagliare le punte e lavarli in acqua bollente.
Preparare nel frattempo l’impasto mescolando in una terrina le due uova, il formaggio, il panpesto, un pochino di sale e un po’ di latte; l’impasto deve essere fluido e corposo.

Aprire bene i carciofi e con un cucchiaino versare il composto. Guarnire con pezzetti di formaggio semistagionato precedentemente tagliato.

Cottura: oliare la pentola a pressione, mettere i carciofi in piedi e dopo 5 minuti di cottura aggiungere mezzo bicchiere d’acqua, chiudere la pentola  e far cuocere a fuoco lento circa 20 minuti.




|
 

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su YouTube