Indigenous Peoples

Il Regno Hawaiano esiste ancora: le basi per la restaurazione

Stampa E-mail
02 Ottobre 2019
|
Una manifestazione a Honolulu nel giorno del “Hawaiian Independence Day” che viene celebrato il 28 novembre di ogni anno con grandi manifestazioni di protesta. Segna il giorno in cui la Gran Bretagna e la Francia riconobbero formalmente l’indipendenza del Regno Hawaiano, che non viene riconosciuta dagli Stati Uniti
Una manifestazione a Honolulu nel giorno del “Hawaiian Independence Day” che viene celebrato il 28 novembre di ogni anno con grandi manifestazioni di protesta. Segna il giorno in cui la Gran Bretagna e la Francia riconobbero formalmente l’indipendenza del Regno Hawaiano, che non viene riconosciuta dagli Stati Uniti

Un rapporto del Ministro degli Affari Esteri del Regno delle Isole Hawaiane


Breve storia del Regno

A metà del XIX secolo, il Regno hawaiano era una nazione indipendente alfabetizzata, fiorente e pacifica; conduceva un commercio vivace e relazioni con le nazioni del mondo.

Nel 1840 i leader illuminati delle Hawaii avevano istituito una forma costituzionale di

governo e ben presto divenne la prima confederazione di stati non euro-centrica.

Nel 1890 il Regno hawaiano aveva più di 90 delegazioni diplomatiche e consolati in tutto il mondo. I monarchi Hawaiani avevano viaggiato in tutto il mondo e formato legami formali con i regnanti d'Europa, Asia e Pacifico. Il regno delle Hawaii avviò una confederazione con altre nazioni dell'isola del Pacifico.

Nel gennaio 1893, senza alcuna provocazione o preavviso, gli Stati Uniti sbarcarono un contingente di marines armati a Honolulu per sostenere militarmente una manciata di potenti uomini d'affari che intendevano detronizzare la regina Liliuokalani dal ruolo di capo di stato e prendere il controllo del governo. Per evitare l'escalation in un conflitto armato che sarebbe risultato in un inutile spargimento di sangue, la Regina saggiamente cedette il potere temporaneamente e incondizionatamente, non agli insorti, ma agli Stati Uniti, indicando così che si trattava di un atto illecito internazionale, ponendo in capo al Presidente degli Stati Uniti la responsabilità di correggere un atto di aggressione illecito.

Dopo aver condotto un'indagine ufficiale, il presidente degli Stati Uniti Grover Cleveland informò il Congresso degli Stati Uniti che gli USA avevano partecipato al sequestro illegale del Regno hawaiano e, così facendo, avevano commesso "un atto di guerra" contro una nazione amichevole; un'eclatante violazione del diritto internazionale costituito. Così, con il riconoscimento del presidente Cleveland, gli USA furono obbligati a riparare al danno fatto, ripristinando la Regina e il governo legale del regno hawaiano. Il Presidente e la Regina acconsentirono ai termini di un accordo, ma oggi, 126 anni dopo, gli Stati Uniti non hanno onorato tale accordo. Al contrario, attraverso una serie di azioni subdole e in malafede, gli Stati Uniti hanno preso il controllo delle Isole Hawaii.

La statua del Re Kamehameha della dinastia che ha regnato dal 1810 al 1872. Il Kamehameha Day è una festa pubblica Hawaiiana
La statua del Re Kamehameha della dinastia che ha regnato dal 1810 al 1872. Il Kamehameha Day è una festa pubblica Hawaiiana

Prima dell'intervento illegale del 1893, gli Stati Uniti avevano riconosciuto il Regno hawaiano come sovrano e indipendente, fatto testimoniato da diversi trattati e accordi stipulati tra i due paesi. Questi trattati e accordi, benché ripetutamente violati dagli Stati Uniti, non sono mai stati abrogati, pertanto devono ritenersi ancora in vigore.

Il riconoscimento dello status sovrano del Regno hawaiano è stato sancito dai trattati bilaterali e multilaterali debitamente stipulati con 46 altri paesi tra cui, per citarne alcuni: Stati Uniti, Francia, Russia, Germania, Olanda, Spagna, Portogallo, Svezia, Svizzera, Cina, Giappone, Siam e Samoa.

Nonostante l'ammissione del loro ruolo illecito nel promuovere il cambiamento di regime delle isole hawaiane, gli Stati Uniti tentarono due volte (nel 1893 e nel 1897) di annettere le Isole Hawaii. Entrambi i tentativi fallirono a causa della massiccia opposizione (petizioni, proteste, lobbying) messa in atto dai leader e dai sudditi del Regno delle Hawaii, così come dagli stessi senatori degli Stati Uniti. Tuttavia, nel 1898, utilizzando il pretesto della “necessità militare”, il Congresso degli Stati Uniti approvò una risoluzione che pretendeva di annettere le Isole Hawaii per condurre operazioni militari per combattere la guerra filippino-americana nelle Filippine. Poiché non vi era alcun trattato lecito di trasferimento di annessione, autorità o territorio delle isole Hawaii negli Stati Uniti, e dal momento che il regno hawaiano era uno stato neutrale, le azioni degli Stati Uniti sono classificabili non solo come atto di aggressione, ma anche come un vero e proprio atto di pirateria. Gli Stati Uniti mantennero la loro presenza nelle isole Hawaii la con l'avamposto di Schofield Barracks, la più grande base operativa militare del mondo.

Dai tempi dell'aggressione del 1893, gli Stati Uniti hanno ammesso ben due volte, prima con il presidente Grover Cleveland nel suo discorso "atto di guerra" nel 1893, poi nella legge sull'apologia (USPL 103-150) promulgata dal presidente William J. Clinton nel 1993, che gli Usa hanno partecipato a un'assunzione illecita e all'usurpazione dei territori del regno hawaiano. Tale assunzione illecita non avrebbe potuto e, in effetti, non ha estinto l'esistenza del Regno hawaiano.

Le due ammissioni ufficiali di illeciti, distanziate di cento anni, sono le prove primarie che le pretese di dominio degli Stati Uniti sulle isole Hawaii sono palesemente illecite. Un principio di base della legge, ex injuria jus non oritur, afferma che "atti ingiusti non possono creare leggi”. Ciò significa che dal sequestro iniziale illegale delle isole Hawaii, ogni governo successivo installato nelle Isole hawaiane dal 1893, come la "Repubblica delle Hawaii", il "Territorio di Hawaii" e l'attuale "Stato delle Hawaii", sono stati e sono categoricamente illegali.


Il Regno Hawaiano esiste ancora

I fatti storici e i principi del diritto relativi allo status del Regno hawaiano come stato sovrano sono chiari. Nonostante la sequela di governi fantoccio installati dagli Stati Uniti dal 1893, la sovranità del regno hawaiano non fu mai ceduta o estinta. Perciò il regno hawaiano continua ad esistere come stato sovrano, indipendente, neutrale.

La bandiera americana esposta provocatoriamente al Iolani Palace di Honolulu, uno dei palazzi del Regno delle Hawaii, con i marines schierati
La bandiera americana esposta provocatoriamente al Iolani Palace di Honolulu, uno dei palazzi del Regno delle Hawaii, con i marines schierati

Nel dicembre 2000, la Corte permanente di arbitrato dell'Aia, Paesi Bassi, ha ascoltato un caso intentato dal Regno Unito (Lance Larsen) contro il governo del regno hawaiano. L'accettazione del caso da parte del Tribunale permanente di arbitrato ha confermato che entrambe le parti – il soggetto e il governo – avevano legittimità in questa corte internazionale. Nota: Nel 2016 il caso Larsen vs Hawaiian Kingdom è stato citato nel procedimento di disputa nel Mar Cinese Meridionale tra Filippine e Cina.

Nel luglio 2002, il professor Matthew Craven, lettore di diritto internazionale,

SOAS, Università di Londra, ha pubblicato un parere legale intitolato “La Continuità del Regno hawaiano”, confermando che, secondo lo standard del diritto internazionale, il Regno hawaiano è uno stato sovrano in continuità. I risultati del professor Craven sono stati pubblicati sul Giornale di diritto e politica: estate 2004.

La continuità del Regno hawaiano è anche supportata dal famoso esperto di legge internazionale, professor Francis A. Boyle, nel 1994, da un Tribunale Internazionale delle Nazioni Unite per i Diritti degli indigeni Hawaiani, nonché da numerosi depositi legali in varie giurisdizioni.

Contro gli Stati Uniti sono state depositate attestazioni del fatto che il regno hawaiano esista ancora presso vari organi delle Nazioni Unite: il Consiglio generale, il Consiglio di sicurezza, il Presidente del Consiglio Generale dell'Assemblea e commissioni, agenzie e organismi delle Nazioni Unite, come la Commissione per i diritti dell'uomo, il Consiglio per i diritti umani, il Comitato per i diritti umani e per l'eliminazione della discriminazione razziale e l'Ufficio dell'Alto commissario per i Diritti Umani. Le petizioni sono state recentemente depositate al Quarto Comitato delle Nazioni Unite e al Comitato dei 24.

Dal 1893 ad oggi, numerose proteste e accuse formali sono state registrate in tutte le branche del governo degli Stati Uniti, attestando il fatto che il Regno hawaiano continua ad esistere.

Inoltre, il Regno hawaiano esiste ancora perché nessuna autorità governativa delle isole Hawaiane è mai stata legittimamente trasmessa o trasferita dal Regno hawaiano agli Stati Uniti o a qualsiasi altra entità governativa, nazionale o estera. Pertanto, tutte le azioni intraprese nelle Isole Hawaiane dopo il 17 gennaio 1893 contrarie al Regno delle Hawaii, che si tratti di costituzioni, statuti, risoluzioni, titoli, sentenze giudiziarie, politiche pubbliche e così via, non sono valide in quanto prodotte sotto false premesse, in giurisdizioni illecite, da persone disoneste intenzionate a perpetrare frodi. Queste azioni fraudolente perpetrate dagli Stati Uniti per i propri scopi e benefici non hanno alcuna autorità legittima sul Regno ancora esistente delle isole hawaiane, i suoi soggetti e i suoi abitanti.

La presenza degli Stati Uniti alle Hawaii e la sua pretesa di dominio sulle Isole hawaiane non è semplicemente infondata, è del tutto fraudolenta. Inoltre, applicando sulla società le leggi nazionali degli Stati Uniti alle Hawaii (il territorio di un regno sovrano) e il popolo delle Hawaii (soggetti di un sovrano e di un Regno), gli Stati Uniti violano numerose leggi internazionali per quanto riguarda l'assunzione illecita, l'occupazione straniera, gli obblighi di fiducia, i diritti umani, e così via all'infinito.

Ancora più importante, il regno hawaiano esiste ancora perché il Popolo continua a esistere. Il Popolo, i sudditi hawaiani non hanno mai rinunciato ai loro Diritti di sovranità dati da Dio nel Regno hawaiano, e mai rinunciato alle loro pretese legittime sulle loro terre.


L'Università delle Hawaii ha riconosciuto l'affiliazione degli studenti al Regno delle Hawaii
L'Università delle Hawaii ha riconosciuto l'affiliazione degli studenti al Regno delle Hawaii

La situazione attuale

Pur ammettendo la complicità e la responsabilità nell'usurpazione del Regno delle Hawaii, gli Stati Uniti hanno finora rifiutato di rispondere alle educate e ragionevoli richieste di correggere l'assunzione illecita di poteri, per consentire al Regno di tornare al suo posto legittimo. Invece negli Stati Uniti si è rifiutato di trattare la questione dello status sovrano delle Hawaii come una questione internazionale ed è stato scelto di trattarla come una questione interna, una questione di diritti "etnici" o "indigeni" o "minoritari". Le politiche statunitensi trattano gli hawaiani come nativi americani, non come cittadini hawaiani.

Sostituendo l'etnia con la nazionalità, gli Stati Uniti hanno trasformato la questione della sovranità e dell'indipendenza delle Hawaii in "Diritti dei Nativi Hawaiani del governo degli Stati Uniti" con l'accesso ai programmi di diritto del governo degli Stati Uniti per Americani. La maggior parte delle persone delle Hawaii non sono consapevoli del loro legittimo stato, dopo aver ceduto agli oltre 100 anni di inesorabile indottrinamento e propaganda statunitense, secondo cui le Hawaii sarebbero uno "stato" degli Stati Uniti e il popolo delle Hawaii cittadini degli Stati Uniti.

Anche molti di coloro che sanno che la “deposizione", "annessione" e "stato" erano illegali si sono abituati all'occupazione delle isole Hawaii da parte degli Stati Uniti e sono arrivati a ritenere il Regno hawaiano come stato indipendente un obiettivo irrealistico o impossibile. Lo status quo, il fatalismo radicato e le vecchie abitudini sono difficili da superare. Se la gente non pensa di poter essere libera, non cerca di essere libera.

A ciò si aggiunge la confusione causata dall'attrazione degli Stati Uniti e i programmi di insediamento che dividono la comunità "nativa hawaiana" in fazioni e i "nativi hawaiani" dai "non nativi hawaiani". Si aggiunga la confusione tra le agenzie e programmi "nativi hawaiani" con il genuino movimento per la sovranità e l'indipendenza, e la vera questione, la verità, viene seriamente oscurata.

Gli Stati Uniti e il suo burattino, lo "Stato delle Hawaii", usano deliberatamente questa confusione per distogliere l'attenzione dall'illegalità delle rivendicazioni degli Stati Uniti con concetti illusori e rimedi inadeguati come il " riconoscimento federale", lo "stato tribale" e il "Governo hawaiano nativo".

Per 12 anni, il Congresso degli Stati Uniti ha cercato di approvare una misura nota come

"Akaka Bill", per "riconoscere" i nativi hawaiani come una tribù di nativi americani, con la principale conseguenza che il popolo avrebbe legalmente rinunciato alla propria condizione di sovranità e indipendenza – e anche ai suoi diritti sulla terra – in favore del governo degli Stati Uniti.

Schema fallito nel Congresso, ma che riemerse come un'iniziativa dello "Stato delle Hawaii"

chiamato "Kana'iolowalu" e con un processo di costruzione della nazione chiamata "Na'i” promosso e perseguito con vigore dallo Stato delle Hawaii Aupuni, con il presidente degli Stati Uniti Obama. Fortunatamente, gli atti di resistenza hanno impedito a tali iniziative di diventare leggi degli Stati Uniti.

Lo "Stato delle Hawaii" degli Stati Uniti non ha alcun titolo legittimo per le terre del Regno delle Hawaii e i suoi tribunali non hanno giurisdizione nel Regno Hawaiano. Così, agenzie "statali" come il Dipartimento delle Hawaiian Home Lands e l'Office of Hawaiian Affairs, amministrano le Hawaii in palese violazione delle leggi sulla fiducia. Inoltre, tutti i terreni di "Stato", anche quelli degli ex "royal trust" come le scuole Kamehameha, sono illeciti, essendo stati acquisiti sotto leggi degli Stati Uniti, non leggi del Regno hawaiano.

La scheda in cui gli studenti dell’Università delle Hawaii possono dichiararsi cittadini del Regno delle Hawaii
La scheda in cui gli studenti dell’Università delle Hawaii possono dichiararsi cittadini del Regno delle Hawaii

Dal momento che gli Stati Uniti e il loro "Stato delle Hawaii", non hanno giurisdizione legale

nelle isole Hawaii, le loro operazioni passate e presenti nelle isole delle Hawaii costituiscono una cospirazione internazionale che scende al livello di crimini di guerra.


La condizione socioculturale attuale

La dominazione americana è stata così pervasiva che, economicamente, le Hawaii sono quasi interamente dipendenti dagli Stati Uniti per il sostentamento. Oltre il 90% degli alimenti, dei beni di consumo e dell'energia delle Hawaii sono importati dagli Stati Uniti. Trasporti, comunicazioni, utenze, commercio, sistema monetario, istruzione, uso del suolo, risorse naturali, applicazione della legge, amministrazione della giustizia, difesa nazionale e tutte le altre componenti vitali di una società moderna sono completamente fornite dagli Stati Uniti e dalle sue agenzie. La cultura quotidiana, per la maggior parte, è clonata dalla cultura americana. Sistemi di valori, stili di vita, linguaggio, abbigliamento, obiettivi di lavoro, aspirazioni e così via, tutti rispecchiano il modello americano. Questo ha avuto un impatto profondamente negativo sugli hawaiani che non rientrano abbastanza nello schema e nel processo, e che finiscono per popolare gli strati inferiori della società; oppressi, privati dei diritti di voto, poveri, impotenti e senzatetto nella loro terra natale. Il sequestro e l'occupazione prolungata del Regno hawaiano hanno creato non solo gravi danni economici e culturali, hanno anche lasciato profonde ferite nella psiche e nello spirito del popolo hawaiano. Il danno alla popolazione nativa delle isole ad opera di questi imbalsamatori spirituali ha causato un serie di gravi effetti profondamente negativi su tutta la società.

Ironicamente, poiché questi problemi rendono evidente la verità sulla situazione delle Hawaii, molti hawaiani si sono resi conto che il problema origina dal furto del loro Regno, la perdita della loro identità nazionale e la dominazione degli Stati Uniti nelle isole Hawaii.

Il graduale smascheramento delle rivendicazioni fraudolente da parte degli Stati Uniti

ha ridotto discussioni approfondite e ha dato origine a una visione ottimistica per il Regno hawaiano. La consapevolezza è in crescita e sempre più persone stanno abbracciando la visione che il ripristino del regno hawaiano non è solo desiderabile e realizzabile, ma è fondamentale perché il nostro popolo possa essere in grado di sopravvivere e persino prosperare.


La rivendicazione del Regno

A questo punto negli affari mondiali vi è un forte impulso a incoraggiare gruppi di persone ad esercitare il proprio diritto all'autodeterminazione. Le Nazioni Unite mantengono diversi meccanismi e agenzie che invitano a forme di autodeterminazione, tra cui l'autogoverno in vari gradi di autonomia e indipendenza.

I leader statunitensi hanno ripetutamente dichiarato che l'obiettivo generale della politica estera americana è quello di generare libertà e democrazia in tutto il mondo. La promozione di un ordine democratico è stata la ragione invocata dagli Stati Uniti per giustificare i suoi interventi in Iraq e Afghanistan. La recente re-iscrizione della Polinesia francese nella lista per la decolonizzazione e i movimenti in Nuova Caledonia, Papua Occidentale, Rapa Nui,

Porto Rico, Guam, le Samoa Americane e le Isole Vergini Americane indicano un rinnovato interesse e attività nel processo di decolonizzazione delle Nazioni Unite.

Mappa del Regno Hawaiano
Mappa del Regno Hawaiano

Considerando che il Regno hawaiano:

a) non è mai stato in guerra con gli Stati Uniti;

b) è un governo costituzionale in continuità;

c) ha condotto i suoi affari nel rispetto del diritto internazionale,

ciò rimuove qualsiasi giustificazione per gli Stati Uniti di rimanere nelle isole hawaiane.

Oggi il regno Hawaiano ha la migliore opportunità per asserire il suo status di nazione indipendente e per tornare ad essere un regno fiorente, legittimo, prospero e neutrale.

Oggi è il momento migliore per guadagnare il supporto della comunità internazionale.

Visto il momento storico all'interno della comunità internazionale, questo è il momento migliore per gli Stati Uniti per dimostrare la sincerità del loro impegno a favore della libertà e dell'ordine democratico. Terminando l'occupazione delle Isole Hawaiane in modo onorevole, pacifico e grazioso, gli USA possono trasformare questa occupazione illegale in un esempio di buona volontà e pacificazione.


Reintegrazione

Anche se la transizione delle isole hawaiane verso l'indipendenza potrebbe essere un processo lungo, complicato e arduo, il viaggio è comunque iniziato.

Il movimento di “sovranità hawaiana" è diventato di “Sovranità e indipendenza hawaiana”; quello che è iniziato come fazioni di persone giustamente arrabbiate che chiedono una punizione per i danni subiti dalla destituzione del loro regno, è maturato in una società legittima e organizzata di patrioti indipendentisti che con volontà, fiducia e metodo, stanno lavorando per riattivare e ripristinare il loro legittimo, sovrano, Regno hawaiano indipendente.

Il movimento ha agito legalmente per rilanciare il governo nazionale del regno hawaiano dalla sua sospensione durata oltre 100 anni; per ripristinare il suo paese secondo la Costituzione e le leggi del regno hawaiano. Da tali sforzi sono emersi diversi enti di governo, come governi ad interim, altri destinati alla permanenza. I principali obiettivi erano: ripristinare la giurisdizione legale, affermare l'autorità di governo e identificare e attivare il corpo politico di soggetti e cittadini del Regno Hawaiano.


Le sfide nella rinascita di una nazione

Non è un'impresa facile. Gli Stati Uniti, il governo federale e lo "Stato di diritto" hanno adottato politiche che si occupano duramente di coloro che mettono in discussione, sfidano o denunciano l'illegalità della presenza degli Stati Uniti.

I soggetti del Regno hawaiano che tentano di vivere secondo le leggi del loro paese sono regolarmente arrestati, detenuti e perseguiti da agenti degli Stati Uniti e dello "Stato delle Hawaii".


I sudditi del Regno delle Hawaii sono arrestati e trascinati con la forza nei tribunali canaglia degli Stati Uniti e dello "Stato delle Hawaii" con false accuse, condannati e obbligati a pagare multe salate e /o servire pene detentive eccessivamente gravi.

Diversi sudditi del Regno legale sono stati incarcerati per mesi e anche anni senza accuse formali o processi, essenzialmente detenuti come prigionieri politici. I sistemi giudiziari dei governi occupanti hanno inflitto rovina finanziaria, distruzione familiare, diffamazione, abusi personali e anche la tortura fisica su sudditi hawaiani.

I giudici Federali degli Stati Uniti e dei tribunali dello "Stato delle Hawaii" si rifiutano di fornire la prova di giurisdizione legale nelle isole Hawaii e rifiutano di riconoscere la giurisdizione legale del Regno hawaiano e i diritti dei soggetti hawaiani che vivono nel loro regno, sotto la loro proprie leggi. Ignorare la prova di giurisdizione consente allo "Stato" e ai giudici di violare le proprie leggi impunemente, ignorando le mozioni legali, dichiarazioni giurate, interrogatori e persino depositi di habeas corpus da parte di soggetti hawaiani, privandoli in modo specifico di un giusto processo e delle protezioni costituzionali di base che sono altrimenti assicurate anche ai peggiori criminali, stranieri o nazionali.

Il “rovesciamento illegale del governo del Regno Hawaiano” in uno dei tanti articoli di protesta  sui giornali delle Hawaii. In primo piano la regina Liliuokalani con sullo sfondo il Iolani Palace di Honolulu
Il “rovesciamento illegale del governo del Regno Hawaiano” in uno dei tanti articoli di protesta sui giornali delle Hawaii. In primo piano la regina Liliuokalani con sullo sfondo il Iolani Palace di Honolulu

Per evitare persecuzioni, i sudditi del Regno hawaiano e i cittadini che vivono nelle isole hawaiane hanno dovuto esistere furtivamente ai margini della società, vivendo di nascosto "sotto traccia" dalle autorità e dall'applicazione della legge ostile dei sistemi dell'occupante.

L'animosità degli Stati Uniti e dello "Stato delle Hawaii" rende difficile per i cittadini svolgere molte attività. Guidare un veicolo, aprire un conto bancario, acquistare o noleggiare una casa o auto, è incredibilmente difficile per coloro che si identificano come cittadini hawaiani (sudditi). Anche se queste attività sono disponibili a cittadini stranieri (ad es. giapponesi, canadesi, britannici, francesi, ecc.), ai soggetti che vivono nel loro paese viene negato lo stesso trattamento, a meno che non riescano a trovare un modo per aggirare le proibitive barriere dello Stato di occupazione. In sostanza, gli Stati Uniti e lo Stato delle Hawaii discriminano i soggetti hawaiani e li trattano peggio degli stranieri illegali. Il desiderio dello Stato delle Hawaii di accogliere immigrati provenienti da paesi produttori di terroristi è pura ipocrisia se paragonata al trattamento ostile nei confronti dei cittadini hawaiani.

Essere un suddito hawaiano non è facile, ma coloro che mantengono la loro identità politica continuano ad affermare i propri diritti nazionali con l'aspettativa che, alla fine, la giustizia prevarrà e la libertà tornerà alla nostra nazione insulare.

Si spera che, nonostante l'attuale rifiuto, la pressione possa convincere gli Stati Uniti a onorare i suoi trattati e alleanze con il Regno hawaiano e i suoi obblighi nell'ambito della comunità e il diritto internazionale, e ritirarsi pacificamente dalla sua prolungata occupazione illegale delle isole Hawaii e assistere le Regno delle Isole Hawaiane Unite nel diventare pienamente operativo.


Le implicazioni della restaurazione

Il reintegro del Regno hawaiano rappresenta più della restituzione dei beni rubati. È più che ripristinare il governo. È più che ripristinare lo status sovrano e politico di una nazione. La restaurazione del regno hawaiano è una questione di fare cose “pono” - fare le cose per bene. Significa correggere un errore e portare restaurazione attraverso lo Stato di diritto.  Ripristinando la spiritualità con equilibrio, ordine e pace.

Fare giustizia di un torto avrà un effetto molto più profondo e duraturo dei benefici politici, economici e sociali per il popolo delle Isole hawaiane. Correggere riparerebbe un'offesa di lunga data, un grave torto irrisolto negli ultimi 126 anni.

La restaurazione del Regno hawaiano porterebbe sollievo nei cuori di quei patrioti hawaiani che da centoventicinque anni desiderano l'indipendenza del loro regno.

Porterebbe guarigione alla terra. Porterebbe sollievo e liberazione agli oppressi e ai perseguitati. Significherebbe vivere come libere persone responsabili della propria nazione e del proprio destino... con tutte le sfide, ricompense e responsabilità che ne conseguono.

In un certo senso, la libertà per le Hawaii estenderebbe anche la libertà agli Stati Uniti, liberando l'America dal peso della colpa e della responsabilità di aver trattato così male gli hawaiani e aver beneficiato ingiustamente di un'occupazione ingiusta e dal prolungato saccheggio del Regno delle Isole Hawaii.

"La soluzione è semplice, ma il modo per arrivarci è complesso.”

8 Capi Clan Nativi Hawaiiani in un disegno d’epoca
Capi Clan Nativi Hawaiiani in un disegno d’epoca

Le scuse non significano nulla a meno che non siano seguite da azioni di riparazione. L'azione appropriata per annullare la violazione della legge e il prolungato dominio illegale sulle isole hawaiane, sarebbe per gli Stati Uniti di restituire il controllo conducendo un ritiro pacifico e ordinato dalle isole Hawaii e di aiutare il legittimo Regno hawaiano indipendente, per riprendere la sua posizione tra le nazioni della Terra.

Si spera che il popolo americano si renda presto conto della verità su ciò che è accaduto nelle isole Hawaii e chieda sinceramente al governo di agire in modo giusto e con compassione per rilasciare questo piccolo e pacifico regno insulare.

Si spera che anche le altre nazioni che hanno trattati esistenti con il Regno delle Hawaii onorino i loro impegni e sostengano lo status indipendente del Regno hawaiano.

Si spera che gli Stati Uniti e altri paesi stranieri forniscano aiuto e assistenza al popolo delle Hawaii nella ricostruzione della loro nazione.

I meccanismi del diritto e dello spirito sono già in atto, messi in opera dai saggi uomini e donne che hanno partorito e nutrito amorevolmente la nostra nazione portandola a essere un attore significativo sulla scena mondiale. Hanno contribuito a forgiare il concetto di neutralità internazionale, applicato i principi di legge biblica e dimostrato l'ideale che Aloha è un modo migliore per risolvere le controversie rispetto ai conflitti armati.

È questo incredibile potere di Aloha che la regina Lili'uokalani ha invocato e messo in moto, che ha conservato le Hawaii come un popolo e una nazione.

Hawaii ha agito con onestà, umiltà, coraggio e grazia in tutto questo calvario, è questo Aloha che porterà le Hawaii a superare gli ostacoli in arrivo, e resterà come testimonianza di giustizia per tutto il mondo e un esempio veramente brillante del processo di riconciliazione e guarigione.


Aloha ke akua

|
 

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su YouTube