Indigenous Peoples

Il Fâ, arte divinatoria e percorso di conoscenza

Stampa E-mail
03 Luglio 2019
|
Il  Lègba, una divinità che interviene nell’interpretazione del  Fâ
Le Lègba, une divinité qui intervient dans les prescriptons du Fâ

Credenze dei popoli dell'Africa occidentale


Il Fâ, originario dell'Africa occidentale, raggiunse il Benin intorno al XVII secolo attraverso la Nigeria. La città di Ifè in Nigeria rimane per tutti i seguaci di questa via evolutiva il santuario indiscusso del Fâ.

Il Fâ è allo stesso tempo una scienza e una divinità che presiede il destino dell'uomo. È un libro aperto sul passato, sul presente e sul futuro, che insegna all'uomo i suoi legami profondi con la natura, conferendogli, grazie ai racconti allegorici relativi a ciascun mistero, una saggezza esistenziale estremamente profonda.

Il Fâ è certamente una geomanzia, una tecnica di divinazione, ma questo è un aspetto secondario. E’ soprattutto un percorso di conoscenza, una dottrina iniziatica.

È facile rendersi conto rapidamente che il sacerdote del Fâ (il bokonon) non è una persona qualunque. La sua scienza, il suo comportamento e la sua saggezza lo rendono un uomo a parte.

La Fâ aiuta l'uomo che vi si rispecchia a capire meglio se stesso e vedere il destino attraverso una visione più luminosa. Questa visione può aiutarlo ad agire su tutti i fronti con più consapevolezza, efficienza e saggezza.

Il piano di divinazione del Fâ
Plateau de divination du Fâ

In vista di un grande passo di civiltà che si prefigura nella nuova era che sta iniziando, l'Africa delle tradizioni esoteriche avrà molto da portare in dono al mondo.

Allo stadio attuale dell'evoluzione dell'umanità, l'uomo ha bisogno di sapere per agire, e il Fà è l'unica scienza divinatoria che può rivelare il futuro proponendosi di aiutare l'uomo ad affrontarlo con mezzi appropriati. Attraverso il Fâ nuove prospettive si aprono all’individuo. Può cambiare il suo destino o quantomeno modificarlo per conoscersi e agire meglio.


Un sacerdote si appresta a consultare il Fâ
Un sacerdote si appresta a consultare il Fâ

I simboli del Fâ

Gli elementi che costituiscono il Fâ sono:

- Le case geomantiche

- I simboli geomantici

Ci sono sedici case geomantiche e sedici simboli principali. Non ce possono essere altri. Il passaggio dei sedici simboli nelle sedici case geomantiche dà un totale di duecentocinquantasei simboli che si raggruppano in questo modo: sedici segni madre chiamati "Dougan" o "Dou-Medji”, che rappresentano anche le case, e duecentoquaranta segni secondari chiamati "Vikando" o "Douvi". Ogni segno del Fâ ha un significato e una raffigurazione che solo il sacerdote è in grado di interpretare.


Il Fâ, lungi dall'essere un elemento di folklore obsoleto, rimane comunque una pratica ancora abbastanza viva oggi. Nel continente africano, la divinazione del Fâ è praticata principalmente in Ghana, Togo, Benin e Nigeria. Esistono poi altre forme di geomanzia a volte molto simili, praticate nel resto dell'Africa.

Il Fâ è giunto anche negli altri continenti attraverso il commercio degli schiavi e le migrazioni. Lo si ritrova nei Caraibi e in Sud America tra i praticanti di religioni sincretiche come la Santéria, il Candomblé e il Voodoo haitiano.


Ange Yvon Hounkonnou è promotore dell’Ecospiritualità per l’Africa Occidentale e Presidente dell’Ecospirituality Foundation Benin.


|
 

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su YouTube