Indigenous Peoples

I Costumi Tradizionali della tribù Mursi

Stampa E-mail
30 Dicembre 2017
|
I Costumi Tradizionali della tribù Mursi


Nella valle dell'Omo ci sono una quindicina di etnie, che vivono ancora in maniera ancestrale, con usi e costumi solidamente radicati. Un popolo semi-nomade di circa 34 000 anime.

I Mursi vivono al limitare del parco nazionale di Mago, nel sud-ovest dell'Etiopia, nella valle del fiume Omo, situata nella depressione del rift, in prossimità della frontiera con Sudan e Kenya. A 60 km da Jinka, dopo aver attraversato la scarpata omonima, la pista declina in una vasta pianura coperta di savana semi-arida e cespugliosa, una immensa riserva di specie di mammiferi e di uccelli. Ci vogliono più di due ore per raggiungere, finalmente, una delle entrate al territorio di questa etnia, che conterebbe meno di diecimila persone. Il loro numero diminuisce a causa delle condizioni sanitarie estremamente precarie, dei prolungati periodi di siccità e del loro spostamento forzato verso le terre aride dell'Est.

Semi nomadi, sono uno degli ultimi popoli d'Africa in cui le donne portano ancora ornamenti labiali e auricolari in forma di dischi piatti, da cui il loro soprannome di “femmes à plateau” (donne piattello).

I Mursi o Murzu, sono pastori nomadi. Si spostano alla ricerca di pascoli e acqua per il loro bestiame. Dove possibile coltivano sorgo e mais. Hanno pochi contatti con le altre tribù. Stabiliscono i loro villaggi presso corsi d'acqua dove coltivano alcuni acri di terra. Questi piccoli borghi consistono di una ventina di capanne di piccola taglia (meno di 1,20 m di altezza), costruite su un telaio d'acacia e coperte di paglia. Cambiano regolarmente ubicazione per sfuggire agli attacchi della mosca tsé-tsé, delle zecche, delle sanguisughe e degli anofeli. In questi rifugi rudimentali, stretti gli uni contro gli altri, dormono in un'assenza totale di comfort con soltanto una pelle di mucca stesa al suolo.


Guerriero Mursi
Guerriero Mursi

Una libertà sessuale prima del matrimonio

La poligamia è abituale, ma ogni donna ha la propria capanna, con i figli. Per il padre, avere delle bambine è una rendita, ciascuna di loro rappresenta un guadagno, in termini di dote, da venti a trenta mucche (patrimonio che assicura la sopravvivenza della tribù) e uno o due Kalashnikov! Presso i Mursi, contrariamente ai loro vicini (gli Hamer, i Surma, i Bona...) le donne non subiscono l'escissione e gli uomini non vengono circoncisi. La libertà sessuale è la norma per le donne, fino alla data del “matrimonio” verso i 16, 17 anni. Ma avere un bambino a partire dai 12 anni non è raro! Partoriscono nella foresta, il che spiega la grande mortalità materna e infantile. Le mogli di uno stesso “marito” possono abitare in villaggi diversi. Gli uomini, guerrieri nudi o vestiti di pelli di pantera e zanne di facocero, portano il Kalashnikov sulla spalla. Mostrano le scarificazioni con fierezza, prova del loro coraggio e valore in combattimento. I loro corpi sono coperti di pitture a base di cenere e gesso, segni di bellezza. Sono noti per il loro istinto bellicoso e sono spesso in conflitto latente con i loro vicini (Hamer).

Quando le donne raggiungono l'età del matrimonio, si fanno incidere il labbro inferiore e vi inseriscono un piattello sempre più grande, ingrandendolo poco a poco. La placca labiale, inserita nel labbro inferiore, può raggiungere i 20 cm di diametro. Fatti di terracotta, questi piattelli rotondi sono decorati con vari motivi geometrici e talvolta dipinti. La dimensione è commisurata alla dote richiesta dalla famiglia delle ragazze per sposarsi e al loro rango sociale. Indossano un perizoma in pelle di mucca o di capra e si ornano di collane fatte di perle multicolori o conchiglie e braccialetti in ferro (per braccia e caviglie).

I Costumi Tradizionali della tribù Mursi

La loro dieta, a base di purea di sorgo o di mais, è completata dai prodotti della caccia, dell'allevamento (mucche, capre), della pesca e dalla frutta. Come i Masai, consumano regolarmente sangue di zebù prelevato dalla vena giugulare. Gli anziani, rispettati da tutti, prendono le decisioni riguardanti la tribù e scelgono il loro capo.


L’onore riservato al marito

"Si dice che il piattello labiale servisse per imbruttire le donne, per dissuadere i guerrieri delle tribù vicine a rapirle” sostiene Benoît Feron. Ma nel tempo è diventato un simbolo di bellezza e prestigio: più importante è la donna all'interno della tribù, più grande è il piattello. In effetti, non sappiamo con certezza perché le Suri portino il disco labiale. "Questo è l'abbigliamento che le donne ritengono opportuno per apparire in pubblico. Indossano sempre il piattello per servire il cibo ai loro mariti seduti in mezzo ad altri uomini", dice Jon Abbink, antropologo presso il Centro studi africani a Leiden, nei Paesi Bassi. Per il ricercatore, il piattello ha anche un valore sociale. Indica lo status di adulta o di sposa di una donna e conferma che una dote di bestiame è stata pagata dal marito alla sua famiglia. La dimensione del disco labiale non dipende necessariamente dall'ammontare della dote. Con il piattello, la donna onora il marito che assicura il benessere della sua famiglia e del bestiame. Benoît Feron, d'altro canto, ha constatato che i dischi non sono riservati per le occasioni speciali: le donne suri li portano ogni giorno e li tolgono a piacimento, in particolare per mangiare


Una tradizione in sospensione

Gli uomini portano scarificazioni. "Sono guerrieri. Ci sono regolamenti di conti coi Kalashnikov con le tribù vicine, ma non rinunciano comunque a una certa vanità" osserva il fotografo. E non costringono le donne a indossare il piattello labiale.

 Donne Mursi con diversi piattelli labiali
Donne Mursi con diversi piattelli labiali

Oggi i giovani Suri hanno libertà di scelta, alcuni si liberano da questa tradizione ora in sospensione, soprattutto perché lo stato considera queste usanze un segno di arretratezza." Addis Abeba concede parte dei terreni più fertili in concessione a gruppi stranieri e costruisce una diga idroelettrica sul fiume che li alimenta", sottolinea il fotografo. Minacce che mettono a repentaglio l'esistenza stessa di questo popolo.


Giochi cerimoniali

Gli uomini Mursi, in particolare quelli comuni, trovano molto importante il duello cerimoniale, detto Thagine. La Thagine è una sorta di arte marziale in cui si utilizzano pali di legno e indumenti protettivi tradizionali. Gli eventi di Thagine durano diversi giorni. I Mursi parlano talvolta di thagine come "guerra" o kaman.

Il bastone di legno o donga usato per i duelli ha una lunghezza di due metri. Il palo è tagliato dall'albero di Kalochi che appartiene al genere Grevia. In fase di attacco un uomo tiene la donga alla sua base con entrambe le mani. Può colpire qualsiasi parte del corpo dell'avversario, ma solo con l'asta della donga, mai con la punta. Ogni combattente indossa un abbigliamento speciale chiamato tumoga. Il suo scopo è sia protettivo che decorativo.


Uomo Mursi
Uomo Mursi

Duello della cerimonia Thagine

Nella lotta, non bisogna superare il limite e ci sono uno o più arbitri o kwethani. La lotta termina quando uno degli avversari cade o si ritira a causa di un infortunio.

Se la vittoria si ottiene rovesciando l'avversario, il vincitore viene celebrato in maniera importante. Viene portato per il campo sulle spalle degli uomini della stessa età. Le classi di età sono un fattore importante nella società Mursi.

Dopo di che, le ragazze single appartenenti al clan di sua madre, chiamate "ragazze-madri" lo circondano. Mettono delle pelli di capra per terra, così che ci si possa sedere. Le ragazze preparano anche un tessuto di cotone. Lo stendono su dei bastoni da duello, sopra il vincitore, facendogli così ombra. C'è un significato simbolico in tutto: una madre protegge il suo bambino dal sole.


Femmes à plateau – Donne piattello.

Ogni ragazza decide fino a che punto può allungare il labbro. Questo si ottiene mettendo dischi progressivamente più grandi per diversi mesi. Il diametro di un piatto può raggiungere i 12 centimetri. I piattelli vengono rimossi per mangiare.


Perché le donne locali indossano un "ornamento" così insolito?

Lo fanno in quanto espressione del diventare adulte in senso sociale e biologico.

Per un estraneo, un piatto per le labbra può essere considerato una forma di mutilazione piuttosto che una forma d'arte del corpo, ma per una donna Mursi o Suri è un'espressione di maturità femminile e un segno che ha raggiunto l'età per procreare.

Duello Thagine
Duello Thagine

È anche una caratteristica distintiva che assicura che non sia confusa con un membro delle tribù rivali vicine che non si perforano le labbra (tribù Kwegu) o che portano solo piccoli tappi inseriti nelle loro labbra inferiori (tribù Bodi) .

Anche se le piastre labiali erano tradizionalmente indossate anche dagli uomini brasiliani Suya, dalle donne Sara del Ciad, dai Makonde del Mozambico e dai Botocudo del Brasile costiero, le uniche tribù che seguono ancora questa tradizione sono le tribù Mursi e Suri dell'Etiopia.


Come si allungano le labbra e si inseriscono le piastre?

Questa tradizione è tradizionalmente effettuata da 6 mesi a un anno prima del matrimonio di una ragazza, di solito intorno ai sedici anni.

Labbro inferiore senza piattello
Labbro inferiore senza piattello

Durante un rituale di iniziazione, viene praticata una piccola incisione di 1-2 cm di lunghezza nel labbro inferiore. Questo rituale viene solitamente eseguito dalla madre o da un altro parente. Nell'incisione viene poi inserito un forcipe di legno o un disco di ceramica che rimane per circa 3 settimane o fino a quando la ferita non è guarita. Il forcipe viene quindi sostituito da un disco leggermente più grande, allungando quindi gradualmente il labbro. Questo processo di stiramento continuafino a quando il labbro ha un'apertura di circa 4 cm di diametro. A questo punto, verrà inserita la prima piastra a labbro in argilla. Per accogliere la piastra a labbro, vengono estratti almeno due e talvolta quattro denti anteriori dell'arcata inferiore.

Ogni donna crea i suoi piattelli e li decora con orgoglio. Il processo di stretching con piastre sempre più grandi continuerà fino a quando un disco di circa 10-15 cm non entrerà nel labbro inferiore. Ci sono resoconti di alcune donne che vantano piastre da labbro che hanno un diametro di 25 cm, anche se questa non è la norma. Il processo di allungamento completo richiede solitamente diversi mesi.

Dato che i piattelli labiali rendono difficile parlare, le donne lo indossano solo se in compagnia di uomini, ma lo rimuovono per mangiare e dormire o quando si trovano solamente con donne o bambini.


Le dimensioni contano?

È tradizione Mursi che i giovani corteggiatori debbano pagare il padre della futura sposa chiedendo la mano di sua figlia nel matrimonio. La maggior parte dei matrimoni è combinata e la futura sposa ha poca o nessuna voce in materia. Si sente dire spesso che esiste una correlazione tra la dimensione del piattello labiale di una ragazza e quella della sua futura dote, ma questa interpretazione non regge, dal momento che il prezzo della sposa viene solitamente determinato prima della cerimonia d'iniziazione.

Ragazza Mursi
Ragazza Mursi

Sembra che la dimensione della placca sia determinata dalle preferenze personali della ragazza e dalla sua capacità di sopportare il dolore associato allo stretching del labbro.


Minacce a questa forma di tradizione

Il governo etiope dominato dai musulmani esercita pressioni sulle donne Mursi affinché abbandonino questa pratica. Un'altra pressione indiretta nasce dalla consapevolezza della tribù che verrà esclusa dai benefici sociali ed economici finché sarà vista come arretrata dagli stranieri. Riconoscono che questa tradizione determina la percezione che gli altri hanno di loro, limitando e ostacolando lo sviluppo futuro.

I turisti, d'altra parte, mantengono viva la tradizione. Vengono da molto lontano per vedere e fotografare queste donne dalle labbra bucate che, probabilmente, percepiscono come mostri parte di uno spettacolo anormale. I Mursi si sono peraltro resi conto che avrebbero potuto guadagnarsi da vivere posando per i turisti, il che può essere sufficiente a motivarli a continuare la tradizione. La pratica di allungamento delle labbra è diventata una risorsa economica per l'intera comunità.

La tribù Mursi dovrà probabilmente tener conto degli avvertimenti del governo, ma fino ad allora, i turisti continuano ad arrivare.


Placche per labbra delle donne Suri
Placche per labbra delle donne Suri

Conflitti vissuti dalla tribù Mursi

Nel complesso, la tribù Mursi è considerata "aggressiva" e "selettiva". La stessa tribù crede fortemente nella fiducia reciproca e le relazioni sono basate sulla somiglianza culturale e linguistica. Le prospettive delle altre tribù etiopiche sono uno dei motivi principali per cui le tribù Mursi si ritrovano costantemente in conflitti che coinvolgono diritti di proprietà e diritti etnici (Enciclopedia Etiopia). La tribù Mursi non si vergogna delle aggressioni che in passato ha inflitto alle altre tribù dell'Etiopia, quindi non ci sono solide basi per stabilire una pacifica convivenza con le tribù vicine (Enciclopedia Etiopia).

Uno dei conflitti più storici, per la tribù Mursi, è con la tribù vicina, i Nyangatom. La tribù Nyangotom è anche la vicina agricola dei Mursi. La causa del conflitto è una terra non occupata, situata nell'Etiopia orientale. Questa terra non occupata era situata nella Valle del Mago, forniva una buona rendita e offriva ai migranti un migliore accesso alle colture. Questa terra specifica era considerata una fonte di sopravvivenza nei periodi di penuria di cibo, ma solo per le popolazioni colpite dalla siccità che si stabilivano in Africa.

Donne Mursi con il piattello labiale
Donne Mursi con il piattello labiale

I Mursi, che vivono nella Valle dell'Omo, furono sconfitti dai Nyangotom che impiegarono armi automatiche contro i Mursi. Ciò portò ad un attacco nel febbraio 1987, quando un gran numero di membri della tribù Mursi furono uccisi. La maggior parte dei Mursi uccisi erano donne e bambini. I  Nyangotom erano avvantaggiati da un equipaggiamento militare migliore, e i Mursi dovettero ritirarsi precipitosamente da molti villaggi e siti di coltivazione lungo la Valle dell'Omo. La tribù Mursi inoltre non ha avuto accesso alle armi automatiche fino al 1992, ma è stata sconfitta dalla tribù Nyangotom perché quest'ultima aveva più facile accesso alle munizioni.

Mentre la tribù Mursi occupava la buona terra coltivata della Valle del Mago, vi furono grandi conflitti tra loro e la tribù Aari (Turton, 10), conflitti che sfociarono in gravi episodi di violenza. Le due tribù seguivano lo stesso schema in cui gli attacchi di rappresaglia si susseguivano in una spirale senza fine. Questi attacchi hanno provocato pesanti perdite e le autorità dell'Etiopia, che richiedevano relazioni pacifiche tra i Morsi e gli Aari, rappresentavano il più importante esponente di potere statale, di cui i Mursi erano i più consapevoli.

Un conflitto minore in cui ha partecipato la tribù Mursi è quello relativo ai problemi politici con la tribù Nyangotom (Schlee, 69). Il conflitto durò dal 1987 al 1992 e coinvolse anche la tribù dei Banna. Le tribù dei Mursi, Nyangotom e Banna hanno avuto conflitti interetnici tra loro (Schlee, 69). Le armi erano ampiamente utilizzate come controllo sociale di questo conflitto inter-etnico, poiché mostravano lo sfruttamento e l'oppressione derivanti dagli attacchi di rappresaglia da parte di ciascuna tribù (Schlee, 69).


 Guerrieri Mursi con dei Kalachnikov
Guerrieri Mursi con dei Kalachnikov

Credo religioso

I Mursi attribuiscono grande importanza all'armonia intra-tribale. Fino a tempi recentissimi, si raggruppavano per clan familiari dell'Omo, e più spesso oggi nelle aride savane dell'interno. Temono e adorano le acque dell'Omo che sono vitali per tutti i popoli nomadi o semi-nomadi della regione. Oltre a una forte corrente e mulinelli, il fango bruno e spesso del fiume nasconde ippopotami, coccodrilli e spiriti maligni. Animisti, adorano la natura, un albero, una fonte ... e seppelliscono i loro morti nella foresta.


La lingua

La tribù Mursi non ha un solo nome per la sua tribù, ma diversi, ad esempio Dama, Merity, Murzi, Murzu (Turton, 1). Ma si sono autoproclamati Mun (Turton, Yigezu, Olibui).

Le tribù Mursi hanno la loro lingua chiamata Mursi. Il Mursi appartiene a una più ampia classificazione di lingue conosciute come lingue surmiche.

La lingua Mursi è stata riconosciuta ufficialmente solo di recente, ma ad oggi ci sono due differenti ortografie. Una è basata sull'amarico, mentre l'altra è basata sul latino. La base amarica è stata sviluppata da alcuni membri dell'organizzazione Serving In Mission. Mentre la base latina fu sviluppata da Moges Yigezu dell'Università di Addis Abeba.


Paterne Akonkwa Bushunju, Repubblica Democratica del Congo, è corrispondente dall'Africa


|
 

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su YouTube