Il blog di Maria Lucia Raffinatore

Winter in Canada

Stampa E-mail
08 Gennaio 2014
|


E così è arrivato l'inverno... con tutto ciò che l'accompagna: freddo, neve, tempeste di neve, tempeste di ghiaccio, e ghiaccio-moti o come li chiamano qui frost-quake.

Come? Non sapete cosa sono le tempeste di ghiaccio e i ghiaccio-moti? Nemmeno io, fino a quest'inverno.

Iniziamo con la tempesta di ghiaccio. Praticamente è un temporale che può durare fino a 40 ore, che gela appena tocca qualsiasi superficie, e più dura, più il ghiaccio si accumula in spessore.

La nostra macchina per esempio, dopo che fu ricoperta da 2 centimetri di ghiaccio, sembrava un enorme cubo di ghiaccio scolpito a forma di macchina.

Guardandosi intorno, si può notare gente che va a lavorare su pattini da ghiaccio, sci, motoslitte. Le strade sono ricoperte di ghiaccio, gli alberi appesantiti dal ghiaccio al punto che i rami, toccando per terra, diventano un tutt'uno con la strada. Ovunque guardi, tutto sembra di vetro. E’ quasi come vivere dentro una palla di cristallo.

E cosa dire dei ghiaccio-moti? Alcuni giorni fa in diverse parti dell’Ontario, dove abito, sono stati avvertiti tremori, esplosioni e ondate di vibrazioni. Secondo l'istituto meteorologico canadese, queste sono varie manifestazioni di terremoti da ghiaccio. In pratica il fenomeno viene causato da infiltrazioni di acqua nel sottosuolo, dovuti a scioglimenti di neve istantanei, dopodichè appena la temperatura scende, specialmente se rapidamente, l'acqua si congela e si espande, creando una compressione nel sottosuolo che causa un'esplosione, esattamente come una mina.

C’è poi la pioggia di ghiaccio. Anziché gocce di pioggia, piovono minuscoli pallini di ghiaccio, che accumulandosi sulla strada impediscono l'attrito delle ruote sull'asfalto.

Parliamo anche delle temperature? Se credete che meno 5 sia freddo, provate con temperature tipo meno 15, meno 20, meno 30... uno spasso! Fa così freddo che se entrate in un bar a prendervi un caffé, e poi uscite per dirigervi verso la vostra auto sempre con il caffé in mano, provate a berlo e... voilà, vi ritrovate con una bella granita al caffé. Insomma, se volete venire in Canada in inverno vi consiglio un bel paio di mutandoni di lana, un cappotto pesante, sciarpa triplo giro e una bella coperta elettrica, questo solo per andare fino alla fermata del pullman. Se poi volete fare una passeggiata nella natura, non dimenticatevi la trapunta, caso mai dovesse fare un pochino fresco!


|
 

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su YouTube